Benvenuto Osimhen. E’ del Napoli il primo colpo di mercato dell’era Covid-19

Il tweet del Presidente De Laurentiis ha ufficializzato l'arrivo di Osimhen a Napoli. E' l'acquisto più costoso della storia azzurra. Per Osimhen sborsati più soldi che per Cavani, Higuain e Lozano

196
CONDIVISIONI
Victor Osimhen, nuovo attaccante Napoli

Il Napoli ufficializza l’acquisto dell’attaccante Victor Osimhen. La trattativa è stata lunga, l’accordo raggiunto. Per salutare l’arrivo in azzurro di Osimhen si attendeva con ansia il tweet del Presidente Aurelio De Laurentiis arrivato puntualmente nel più afoso pomeriggio d’estate.

L’arrivo di Osimhen non arroventa i tifosi azzurri, ma la cifra impegnata è notevolissima. Osimhen è l’acquisto più oneroso dell’era ADL Osimhen, che proviene dal campionato francese, è costato più di Cavani ed Higuain che hanno fatto la storia del club; anche più di Lozano che finora però ha deluso.

Osimhen è il primo grande colpo di calcio mercato dell’era Covid-19. Il Napoli ha bruciato la concorrenza della Premier League e dell’Inter che ha tentato d’inserirsi nella trattativa.

Stupisce l’entità della cifra sborsata: 60 milioni di euro alla quale vanno aggiunti gli stanziamenti di un contratto lungo ed oneroso. Il Napoli punta fortissimo su Osimhen il cui potenziale è noto, ma che finora non ha fatto nulla di particolare eclatante.

Sarà il campo a stabilire se quelli per Osimhen siano stati soldi ben spesi. Ma di certo il calcio post Covid-19 continua ad alimentare una bolla finanziaria pericolossima attribuendo un valore alle transazioni ben superiore all’effettivo valore dell’atleta coinvolto.

E’ una strada mortifera per il calcio europeo, ma dopo che la UEFA ha perdonato il City peruna gestione economica fuori dalle righe, è facile prevedere che altri club continueranno a spendere senza controllo.

Non è il caso del Napoli. Club modello di gestione virtuosa ma che con l’acquisto di Osimhen apre un nuovo capitolo e lancia una scommessa milionaria.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.