I Seat Music Awards tornano all’Arena di Verona con uno speciale per i lavoratori dello spettacolo

La kermesse torna all'Arena di Verona per uno speciale post lockdown rivolto ai lavoratori dello spettacolo

6
CONDIVISIONI

I Seat Music Awards tornano all’Arena di Verona. Le premiazioni per i migliori singoli e dischi sono confermate, anche se con qualche mese di ritardo dovuto all’emergenza sanitaria ancora in corso.

Lo show sarà diverso da quello al quale siamo abituati ad assistere, ma riconquista il palco dell’Arena di Verona, che è quello storico e rappresentativo della manifestazione.

Diversi saranno anche gli intenti, con un occhio rivolto ai lavoratori dello spettacolo che, in questi mesi, si sono dovuti fermare a causa della pandemia. La manifestazione si svolgerà a loro sostegno, mentre rimane in piedi la medesima liturgia degli anni passati, con l’assegnazione dei premi agli album e ai singoli più venduti.

A condurre la serata saranno ancora Vanessa Incontrada e Carlo Conti, veterani del palco dei Music Awards, ma è anche certo che lo spettacolo si svolgerà nel rispetto delle normative anti-Covid che ancora rimarranno in vigore per alcuni mesi.

Lo show, perciò, perde la collocazione storica del mese di giugno ma conquista settembre, nelle serate del 2 e 5 settembre. Quello pensato per i lavoratori dello spettacolo non sarà solo un supporto ma un aiuto concreto, ottenuto grazie alla collaborazione con Music Innovation Hub. Il ricavato della manifestazione sarà quindi destinato al Fondo per i lavoratori dello spettacolo.

Gli artisti che si alterneranno sul palco saranno oltre 50, tutti uniti dalla volontà di riportare la musica e quel briciolo di normalità che è mancato in tutti questi mesi di grande difficoltà. L’Arena di Verona diventa quindi il simbolo di una ripartenza che tarda ad arrivare.

L’Arena di Verona sarà teatro anche di un altro grande evento, Heroes, che coinvolge una lunga schiera di artisti pronti a far sentire la propria voce in nome della musica. Alcuni di loro sono già scesi in piazza per far sentire la loro voce a supporto dei lavoratori dello spettacolo, da troppo tempo senza risposte certe sul futuro.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.