F1. Ferrari doppiata. Si ritiri dal Mondiale, Rossa di vergogna

Vettel e Leclerc hanno subito l’onta del doppiaggio in Ungheria. Motore, telaio, strategia. Tutto sbagliato per una Ferrari che non merita la Formula 1

201
CONDIVISIONI
Ferrari delude in Austria

Ferrari, rossa di vergogna. La vettura di Maranello, dopo il disastro alla partenza in Austria, sprofonda anche in Ungheria. Stavolta alla Ferrari , se possibile, è andata ancora peggio. La settimana scorsa Vettel e Leclerc si erano eliminati da soli dopo pochi metri. Stavolta entrambe le Ferrari hanno subito l’onta del doppiaggio da parte del vincitore Lewis Hamilton.

La Ferrari di Vettel è arrivata sesta al termine del GP d’Ungheria, quella di Leclerc si è persa in undicesima posizione. Entrambe però le vetture sono state doppiate da Hamilton. La Mercedes ha  infierito su quella che in passato era la rivale nella lotta per il titolo. Un sconfitta umiliante e terrificante per la Ferrari che scuote profondamente Maranello.

Che fosse un’annata difficile per la Ferrari era stato ampiamente previsto e dichiarato persino dai massimi vertici della Rossa. Ma che i GP diventassero questa oscena via crucis era davvero al di sopra della più fosca delle previsioni.

La Ferrari 2020 non è degna di scendere in pista. La gloriosa storia di Maranello non può esser così svilita da una dirigenza incapace di garantire la competitività della vettura. Nello sport si vince e si perde. Ma se ti chiami Ferrari corri sempre per vincere, salvo cedere all’avversario più forte dopo aver dato battaglia ad ogni centimetro.

Questa Ferrari viene sistematicamente surclassata non solo dalla Mercedes ma anche da scuderie inferiori per blasone, budget e personale impegnato. A questo punto meglio cominciare a prenderne atto e meditare il ritiro. In alcuni sport l’arbitro interviene a sospendere il match quando un contendente sia in manifesta inferiorità. La Ferrari farebbe bene a ritirarsi per manifesta inferiorità di propria iniziativa anche per rispetto nei riguardi dei milioni di tifosi della Rossa in tutto il mondo e della quotazione delle vetture commerciali di Maranello .

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.