Antonella Clerici conduce The Voice Senior su Rai1, la conferma dai palinsesti 2020/2021

Antonella Clerici conduce The Voice Senior, l'annuncio nella presentazione dei palinsesti 2020/2021

1
CONDIVISIONI

Antonella Clerici conduce The Voice Senior su Rai. Le indiscrezioni sono diventate certezza con la presentazione dei palinsesti Rai della stagione 2020/2021, che confermano il ritorno sul piccolo schermo della conduttrice lombarda.

Per Rai1 si tratta di una sfida completamente nuova e che va ad abbracciare un nuovo target, con l’adeguamento della formula talent ai concorrenti più maturi. The Voice torna quindi in una nuova veste e viene promosso dalla seconda alla prima rete, con l’affidamento del progetto a uno dei volti storici dell’ammiraglia di Viale Mazzini.

Il talent di Rai1, che raramente propone programmi di questo genere e ce ne ricordiamo il perché, si apre agli over 60 con una formula completamente nuova e mai vista, se non altro su Rai1. Addio al vecchio The Voice Of Italy, da anni in caduta libera e con zero concorrenti che abbiano tratto beneficio dal programma, e via libera a una versione che entrerà a far parte dell’offerta dell’intrattenimento di Rai1 della prossima stagione.

Le date sono già state fissate, dal 13 novembre all’11 dicembre, nella prima serata del venerdì. La liturgia del programma rimarrà la stessa, con i 4 coach che dovranno scegliere i loro talenti attingendo dalle Blind Auditions, nelle quali si potrà ascoltare solo la voce dei concorrenti. Il ruolo della conduttrice sarà fondamentale e centrato sul racconto delle storie di ognuno dei partecipanti che sapranno dimostrare che non è mai troppo tardi per realizzare un sogno.

Antonella Clerici tornerà su Rai1 con un nuovo programma per il Mezzogiorno, inserito dopo la chiusura di La Prova Del Cuoco, in questi anni condotto da Elisa Isoardi. Le indiscrezioni hanno anticipato un programma trasmesso dalla sua casa ad Arquata Scrivia, dove si è trasferita con il suo compagno e la figlia Maelle, ma i programmi sono cambiati a causa dell’emergenza Coronavirus. Lo show sarà infatti trasmesso da Milano e non si chiamerà È Sempre Mezzogiorno. Racconta Stefano Coletta: “Il cooking è un pretesto, per lei è un ritorno alle origini. Abbiamo visto che il cibo è spesso la risposta alle nostre fragilità e vogliamo valorizzare questo supporto emotivo con un programma che lo valorizzi e ne offra una nuova dimensione”.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.