Limiti per pagare con il credito Wind sul Play Store e l’App Store, le nuove soglie

Cambiamenti in vigore d'ora in poi, soglie mensili e non solo

3
CONDIVISIONI

Quella di oggi non è affatto una buona notizia per chi utilizza il credito Wind per acquistare contenuti sul Play Store e l’App Store di Apple, come presso altri negozi digitali. L’operatore mobile, come ci comunica anche il sito di settore Mondomobileweb, ha modificato le soglie minime di acquisto e ha pure limitato la spessa massima mensile consentita dal singolo cliente.

Come prevedibile, si tratta di un sostanziale cambiamento per chi è solito acquistare applicazioni, ma anche musica e film sui principali store su menzionati. A dire la verità, non sarà per nulla facile soddisfare i requisiti richiesti per procedere ad un nuovo acquisto secondo le rinnovate regole ed in molti potrebbero pure desistere dall’operazione.

Scendiamo più nel dettaglio degli ultimissimi cambiamenti: chi acquista sul Play Store o sull’App Store Apple con il credito Wind della propria SIM o comunque prevedendo l’addebito in fattura, dovrà effettuare transazioni di importo non inferiore ai 50 euro in un’unica soluzione. Precedentemente il limite era ben più basso e pari a soli 15 euro. Una grande novità investe pure la spesa massima effettuabile proprio con lo stesso metodo di pagamento. Prima delle ultime modifiche si potevano spendere fino ad un massimo di 300 euro al mese complessivi: la soglia è scesa invece fino a 250 euro da questo luglio in poi.

Le novità qui descritte, oltre al Google Play Store e l’App Store, investono anche il Microsoft Store e il servizio Chili TV per lo streaming, il noleggio, l’acquisto di film. In molti casi dunque, tanti clienti dovranno rivedere le loro modalità di acquisto secondo i nuovi parametri. In alternativa, se le condizioni su descritte non dovessero essere rispettate, non ci sarà niente altro da fare se non optare per un altro metodo di pagamento come quello con carta di credito o di debito.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.