La scomparsa della figlia di Simona Tagli è uno scherzo de Le Iene ma i carabinieri mandano tutti a casa

Le Iene avevano inscenato la scomparsa della figlia di Simona Tagli, ma la conduttrice aveva allertato i carabinieri. Ecco com'è andata

La scomparsa della figlia di Simona Tagli era uno scherzo de Le Iene ma la vittima della messinscena, ovviamente, non era al corrente della presenza di un copione e per questo ha agito umanamente allertando le forze dell’ordine, come ogni madre farebbe.

La conduttrice televisiva si è ritrovata al centro di un servizio della redazione di Italia 1 con la presenza di personaggi fittizi, complici e un intreccio che si complicava sempre di più dopo aver appreso che sua figlia, di soli 15 anni, da circa un’ora non dava più notizie di sé. La vicenda ha avuto luogo giovedì 9 luglio intorno alle 19 a Milano.

Accanto a Simona Tagli c’era il suo agente e di fronte a lui la conduttrice ha chiamato il 112. Non si era accorta, ovviamente, che quegli istanti si consumavano di fronte alle telecamere nascoste posizionate da Le Iene che appunto avevano inscenato la scomparsa della figlia.

I carabinieri sono arrivati presso l’abitazione milanese di Simona Tagli, ma dopo pochi minuti sono stati raggiunti da due operatori dello staff de Le Iene che hanno spiegato ai militari che si trattava di uno scherzo. La redazione de Il Giorno ha raccolto le testimonianze dei residenti e dei carabinieri che hanno confermato la vicenda.

I militari, una volta appurato lo scherzo, hanno dunque chiesto agli operatori di interrompere le riprese e di convocare subito la figlia di Simona Tagli. Quest’ultima ha reagito bene: quando ha visto la sua piccola fare ritorno a casa l’ha abbracciata e tutto si è concluso.

La ragazzina, fino a quel momento, si trovava in compagnia del regista Giorgio J. Squarcia che ha assicurato che l’intervento dei militari non era stato catturato dalle telecamere. La scomparsa della figlia di Simona Tagli, dunque, era soltanto uno scherzo de Le Iene che però hanno dovuto interrompere il servizio dopo l’arrivo dei carabinieri.

Segui gli aggiornamenti della sezione Trending News sui nostri gruppi:

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.