One Love di Bob Marley in una nuova versione per l’Unicef contro il Coronavirus

Il brano verrà rilasciato il 17 luglio e i proventi saranno devoluti a supporto dei bambini di tutto il mondo

1
CONDIVISIONI

One Love di Bob Marley esce in una nuova versione per sostenere il lavoro degli operatori dell’Unicef a supporto dei bambini di tutto il mondo nella lotta al Coronavirus.

“Più di quarant’anni fa, mio padre ha scritto One Love parlando di unità, pace e amore universale in un periodo in cui c’erano molti problemi nel mondo. Anche in un periodo in cui non siamo in grado di stare insieme, il suo messaggio rimane vero, possiamo superare questa crisi globale se ci uniamo attraverso un solo amore e un solo cuore”, ha dichiarato Cedella Marley, figlio di Bob Marley nel presentare una nuova versione di quel successo, realizzata per una buona causa.

L’Unicef ha stimato che 6.000 bambini potrebbero morire ogni giorno nei prossimi mesi per motivi riconducibili al Coronavirus e all’assenza di assistenza sanitaria sufficiente. Particolarmente sensibili e vulnerabili, sono i bambini le vittime più esposti alle conseguenze del virus.

Scuole già chiuse e difficoltà di approvvigionamento in alcuni Paesi della parte povera del mondo impattano gravemente sullo stato di salute dei più piccoli, in serio pericolo di vita tutti i giorni.

In questo scenario disarmante si colloca la nuova versione di One Love di Bob Marley voluta fortemente dalla famiglia dell’artista. Una delle hit mondiali più ascoltate ed apprezzate di tutti i tempi viene scomodata per sostenere i bambini. Tuff Gong International e Amplified Music la pubblicheranno venerdì 17 luglio.

I proventi sosterranno Reimagine, la campagna mondiale volta ad impedire che la pandemia dovuta al Coronavirus indebolisca ulteriormente i bambini e i ragazzi.

In occasione dell’uscita della nuova versione di One Love, scenderà in campo anche One Love con il lancio di una challenge pubblica all’interno di un evento speciale.

One Love/People Get Ready è stata incisa per la prima volta nel 1977 da Bob Marley e The Wailers divenendo un inno mondiale.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.