Testo di Paura Di Me e Così Forte, due nuovi brani per Mecna

Il bis di Mecna con due nuovi brani inediti, da oggi negli store digitali

Mecna rilascia due nuovi brani oggi: si tratta delle canzoni Paura Di Me e Così Forte, da oggi disponibili negli store digitali. Paura Di Me sarà disponibile anche in rotazione radiofonica a partire da domani, venerdì 10 luglio 2020.

Paura Di Me è stato scritto da Mecna insieme a Davide Petrella con la produzione artistica di Zef e Lvnar; Così Forte è invece stato prodotto da Lvnar. Entrambi sono due pezzi inediti che raggiungono le radio e gli store digitali oggi, giovedì 9 luglio.

Paura Di Me è un pezzo estivo che però si discosta da ciò che nell’immaginario collettivo appartiene all’estate. C’è infatti un tocco di malinconia, che mostra il lato di Mecna più riflessivo, sorpreso a pensare alla sua vita e a se stesso attraverso un viaggio immaginario alla scoperta di sé.

Diverso il discorso per Così Forte che è invece un pezzo che nasconde una dedica speciale: il brano è dedicato ai fan che hanno sempre sostenuto Mecna e che ne hanno scoperto ogni sfaccettatura apprezzandolo sempre di più giorno dopo giorno ed accompagnandolo con affetto nel suo percorso artistico.

Paura Di Me – testo

Forse cerchiamo qualcosa che non c’è 
Come gocce di pioggia in mezzo al mare 
Tutte le paure mi riportano da te 
Ma non ci voglio più pensare 
Perché altre mille scuse ora non valgono 
Neanche una promessa 
Perché chi l’ha detto mai che questa vita aspetta

Chissà se è vero, in un secondo tutto può succedere 
Non c’è nessuno stasera
Vorrei tornare indietro 

Prendo una strada che non so dove mi porta 
1000 domande senza neanche una risposta 
Sembra strano ma è come un viaggio e sono solo 
Non so dove sei e dove sono 
Le tue parole nella testa 
Scrivono la nostra canzone maledetta 
C’è qualcosa in più, hai la forza di tirarmi giù 
Ma non avere paura di me
Ma non avere paura di 

Prendo una strada che non so dove mi porta 
E la scena si è quasi capovolta 
Io che mi giro a guardarti, tu che mi dai corda 
Siamo finiti a giurarci che neanche stavolta 
Ci perderemo l’umore e l’amaro che hai in bocca 
Passo le notti a rigirarmi tra lenzuola come fosse sale 
Basta una bugia per poi sentirsi male 
Chi cerca il lato positivo in tutto
Pensa che la fine è un punto 
Crolla pure il cielo e qui diventa autunno 
Sanguino un po’ tipo metà cottura 
Due pesi ed una misura 
Bruciano la lingua come spicy tuna 
Per questa cosa qui non c’è cura 
Non è di me che devi aver paura 

Prendo una strada che non so dove mi porta 
Mille domande senza neanche una risposta 
Sembra strano ma è come un viaggio e sono solo 
Non so dove sei e dove sono 
Le tue parole nella testa 
Scrivono la nostra canzone maledetta 
C’è qualcosa in più, hai la forza di tirarmi giù 
Ma non avere paura di me 
Ma non avere paura di me 
Ma non aver paura di

Prendo una strada che non so dove mi porta 
Mille domande senza neanche una risposta 
Sembra strano ma è come un viaggio e sono solo 
Non so dove sei e dove sono 
Le tue parole nella testa 
Scrivono la nostra canzone maledetta 
C’è qualcosa in più, hai la forza di tirarmi giù 
Ma non avere paura di me 
Ma non avere paura di me 
Ma non avere paura di

Così Forte – testo

Cerchi gli altri nei miei occhi quando guardo giù
Perché le cose che facevo non le faccio più
Sono cambiato come quelli che dicevano: “Non cambio”
Però mai stato vago a riguardo
Riguardo noi, poi guardo gli altri
Poi di nuovo noi
Stare in equilibro sopra un filo che si spezza prima o poi
Ma se hai paura nel vuoto non ti ci metti proprio
E se ti piace prenoto ma allora metti in moto
E fammi un altro In bocca al lupo
Che stasera è un viso che non strucco
E sto da Dio se mai dovessero privarmi di tutto
Provai di tutto ma senza mai lasciarmi andare
Che il trucco è restare dopo il temporale
Sull’asfalto asciutto
E ho raccontato quasi disinteressato
Che per me non c’è un traguardo
Se il percorso non è buio e dissestato
E se hai paura del vuoto non ti ci metti proprio
Se vuoi giocare col fuoco

Brucia così forte che non vedo la strada
Neanche ci abbracciamo per il caldo che fa
Torno sempre dove questa storia è iniziata
Non potrai crederci

Torno a rappare come se avessi smesso
Torna complesso ma torna perché senza te non è lo stesso
Per come è messo il panorama trovarci un senso non mi ripaga
Ma non fa niente raga
Sogni si gonfiano come Big Babol se ci soffi dentro
Ma non soffi tanto
Quando ci credi però rischi che ci soffi troppo
Scoppiano e ci soffri intanto
Che cerchi invano di staccarli via dal labbro
Vedi, quando mi sveglio lei
Mi sta accanto a reggermi tutti gli scleri
E mi sussurra i numeri che ho fatto ieri
Gli amici veri sono pochi
Con quei pochi ci ho scazzato daily
Prometto un sorriso nei prossimi mesi
Altri li ho visti andare via con certi bronci
Ma giuro che non ho capito ancora oggi
E sto pensando che a sbagliare siamo goffi
Che non chiediamo scusa e che ci fingiamo morti

Brucia così forte
Neanche ci abbracciamo più
Torno sempre dove stai
Non potrai crederci, non potrai crederci

Brucia così forte che non vedo la strada
Neanche ci abbracciamo per il caldo che fa
Torno sempre dove questa storia è iniziata
Non potrai crederci

Brucia così forte che non vedo la strada
Ci abbracciamo per il caldo che fa
Torno sempre dove questa storia è iniziata
Non potrai crederci

Su questo letto si sta scomodi
Quando ti dicono: “Va tutto bene perché c’è, sta andando tutto a rotoli”
Certi mali non li curi con degli antibiotici
E compriamo un nuovo letto così stiamo in 12
Un altro giorno alla finestra
Più tempo per focalizzare ciò che mi interessa
E lo scenario è grigio, non passa il pomeriggio
Non sto pensando al mare, questo non è il mio ufficio
Ah, aspè, oh?

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.