Chiarita la lista con 21 Huawei e Honor che otterranno EMUI 11: non è ufficiale

Cosa sappiamo su un elenco che sta girando da alcuni giorni a questa parte anche qui in Italia

Huawei

Abbiamo alcune indicazioni importanti da fornire agli utenti che si ritrovano con uno smartphone Huawei e Honor, in relazione ai dispositivi che potrebbero ricevere l’aggiornamento con EMUI 11. Di recente abbiamo analizzato tempistiche e dettagli vari sul pacchetto software, con un articolo dedicato, ma oggi 8 luglio occorre concentrarsi su alcuni dettagli che ci consentono di inquadrare meglio la situazione. Se da un lato le tempistiche sono quelle, al contempo i modelli compatibili richiedono approfondimenti.

Un esponente interno di Huawei, Wang Chenglu ha di recente ha confermato che EMUI 11 verrà lanciato nel terzo trimestre del 2020. Tuttavia, non ha rivelato molte delle informazioni che stanno girando in questi giorni relative a questa prossima versione di EMUI. Ad esempio, al momento c’è uno screenshot che gira su Internet a proposito del primo presunto lotto di dispositivi EMUI 11 trapelato in ottica Huawei e Honor, ma la situazione non è così lineare come sembra.

Alcuni chiarimenti sulla lista di Huawei e Honor con EMUI 11

L’immagine che sta circolando e che ci parla di 21 smartphone Huawei e Honor sicuri di ricevere l’aggiornamento con EMUI 11, nasce da un utente che ha preso le informazioni dall’elenco iniziale di presunti dispositivi EMUI 11 che sono stati pubblicati alcuni mesi fa dal sito Huawei CentralCosa vuol dire questo? Dare per scontato che il suddetto screenshot possa rappresentare in qualche modo una notizia ufficiale, potrebbe rivelarsi una mossa sbagliata.

Ancora, ad oggi l’unica notizia ufficiale disponibile consiste nel fatto che EMUI 11 si basi su Android 11 e sarà lanciato in occasione di un evento come Huawei Developer Conference 2020 durante il mese di agosto. Il pacchetto software verrà quindi testato in fase beta con la serie Huawei P40, Huawei Mate 30 e più gradualmente su altri dispositivi. Che ne pensate di questo scenario ad inizio luglio?

Segui gli aggiornamenti della sezione Huawei sui nostri gruppi:

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.