Si riaffaccia la bufala su Teresa Fidalgo con il messaggio WhatsApp

Alcuni dettagli su una fake news che da anni circola in Italia e che in queste ore è tornata attuale

12
CONDIVISIONI
Teresa Fidalgo

Non se ne parlava da un po’, ma oggi 7 luglio sembra essere nuovamente attuale il messaggio WhatsApp incentrato sulla storia di Teresa Fidalgo. Per chi non lo sapesse, si tratta di un video storico che gira in rete, con il chiaro intento di creare ansie e preoccupazioni tra gli utenti. Caso diverso, dunque, rispetto a quello della peste bubbonica che abbiamo avuto modo di esaminare nei giorni scorsi e che a conti rappresenta una minaccia sì circoscritta, ma allo stesso tempo da monitorare con attenzione.

La storia di Teresa Fidalgo finita nei messaggi WhatsApp

In particolare, la storia di Teresa Fidalgo ci parla di una ragazza che una notte stava girando a piedi, senza una meta in una strada isolata. Il video è stato registrato da tre ragazzi in auto, che ad un certo punto decidono di fermarsi e di darle un passaggio. La giovane appare disorientata e poco prima di una curva annuncia agli altri passeggeri che qualche anno prima proprio in quel punto aveva avuto un incidente perdendo la vita.

L’annuncio shock ed il cambio delle sembianze del suo volto avrebbero poi provocato un incidente. Due dei tre ragazzi avrebbero perso la vita, mentre il terzo non è mai più tornato sull’argomento. Peccato che la storia su Teresa Fidalgo su WhatsApp sia completamente inventata e frutto di un cortometraggio di David Rebordão. Il lavoro, dunque, segue esattamente le orme in termini stilistici di “The Blair Witch Project”, come è stato riportato di recente da Bufale.

Come spesso avviene in questi casi, dunque, tanto rumore per nulla. Teresa Fidalgo è un personaggio di fantasia, la storia è inventata e non esiste nulla di cui preoccuparsi. Fate sempre attenzione ai messaggi virali che circolano su WhatsApp, creati solo per diventare virali tra gli utenti.

Segui gli aggiornamenti della sezione Trending News sui nostri gruppi:

Commenti (2):
Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.