Quanti anni garantiti per aggiornamenti Huawei e Samsung: situazione a luglio 2020

Dettagli extra su un argomento che da sempre tiene banco tra coloro che seguono il mondo Android

Huawei

Uno degli argomenti più caldi per gli utenti che si apprestano ad acquistare uno smartphone Huawei o Samsung Galaxy riguarda la tempistica garantita per gli aggiornamenti software. Dunque, mentre con il produttore cinese si pensa già alla questione compatibilità con EMUI 11, come vi abbiamo riportato nella giornata di ieri con un articolo a tema, è importante comprendere anche cosa dovrebbe avvenire con questi brand a lungo termine. Solo così eviteremo brutte sorprese e di nutrire aspettative poi andate in frantumi

Gli aggiornamenti a lungo termine per Huawei e Honor

Lo studio di oggi 7 luglio lo dobbiamo ad Android Authority, che di recente ha raccolto ad esempio la testimonianza proprio di Huawei. La sua divisione di chip HiSilicon supporta i suoi processori Android per “due o tre anni”. Gli autori dello studio hanno chiesto all’azienda di chiarire questa affermazione (ad esempio, i flagship ottengono tre anni di aggiornamenti, mentre i SoC di budget hanno due anni?) e maggiori informazioni per chi si ritrova con un dispositivo Huawei o Honor dovrebbero arrivare a stretto giro.

La politica di Samsung sui rilasci software

I chipset Exynos di Samsung si trovano in gran parte degli smartphone Galaxy commercializzati dall’azienda qui in Europa. I suoi flagship di due anni hanno generalmente ricevuto Android 10. Il colosso coreano in genere fa un lavoro importante nel rilascio di aggiornamenti, come nel caso dei vari Galaxy J6 e Galaxy A7 2018, che in questo periodo stanno ricevendo Android 10. Inoltre, l’azienda supporta ancora i dispositivi più vecchi con aggiornamenti di sicurezza mensili o trimestrali. Basti pensare al Samsung Galaxy S7 del 2016, che fino a pochi mesi fa ha ricevuto ancora patch trimestrali.

Insomma, si conferma la sensazione che Samsung, sotto questo punto di vista, sia un passo avanti rispetto a Huawei, anche se le cose con il brand cinese negli ultimi anni sono un po’ migliorate.

Segui gli aggiornamenti della sezione Huawei sui nostri gruppi:

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.