Batteria da 6800mAh per Galaxy M41: Samsung supera i limiti

Samsung è pronta a lanciare sul mercato un sorprendente "battery phone"!

13
CONDIVISIONI

Ci dovrebbe essere pure il Galaxy M41 tra le tante sorprese mobile in arrivo nel corso dell’estate da “mamma” Samsung. Come molti di voi già sapranno, il colosso sudcoreano è infatti pronto a lanciare sul mercato tutta una serie di device – dagli indossabili agli smartphone più tradizionali, passando pure per i pieghevoli come il Galaxy Fold 2 -, inaugurando la sua “invasione” con un atteso evento Unboxed previsto per il prossimo mese di agosto. Capirete allora quanto l’eccitazione e la curiosità siano nell’aria, così come appare fisiologico il flusso di notizie e indiscrezioni che ormai si fanno strada a ritmo quotidiano sul web. Legate ovviamente ai nuovi prodotti dell’azienda orientale.

Ed è proprio il Samsung Galaxy M41 a tornare alla ribalta nella giornata di oggi, 5 luglio 2020, dopo che era sparito dai radar per lungo tempo – tanto che molti dubitavano della sua stessa esistenza. Sì perché, come si legge sulle pagine del portale GSMArena, non solo questo smartphone -presumibilmente di fascia media come per gli altri device della serie M – è in aria di certificazione, ma dovrebbe pure presentare una caratteristica da record, con cui Samsung ha intenzione di fissare nuovi standard qualitativi. Si parla dunque di una batteria da quasi 7000mAh – più precisamente da 6800.

Samsung Galaxy M31, Smartphone, Display 6.4" Super AMOLED, 4...
  • Con la batteria da 6.000 mAh di Galaxy M31 puoi guardare un film o...
  • Vivi un'esperienza di visione completamente immersiva con il display...

Una batteria di tale autonomia non è di certo una novità assoluta nell’universo degli smartphone più in generale, ma lo è per un device di questo tipo di Samsung, e quasi sicuramente se la andiamo a rapportare alle dimensioni e al peso del prodotto in questione. Tra le altre cose sappiamo poi che il Samsung Galaxy M41 dovrebbe essere il primo dispositivo Galaxy a montare un display OLED di un fornitore terzo ad arrivare sul mercato. Ci riferiamo a CSOT, vale a dire China Star Optoelectronics Technology – società controllata da TCL. Una scelta legata alla volontà di contenere i costi e aumentare di conseguenza i guadagni.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.