Ricarica in un lampo per il Huawei Mate 40: addirittura a 66 W

Grande passo in avanti per la tecnologia, un indizio inconfutabile

1
CONDIVISIONI

I lavori fervono già per il Huawei Mate 40 nonostante il lancio della nuova serie non potrà che avvenire ad inizio autunno. Probabilmente la fase di sviluppo dello smartphone è già avvenuta e sta per terminare e dunque siamo anche prossimo alla sua produzione. Per questo motivo, le notizie relative ad alcune interessanti specifiche hardware dei telefoni della serie non mancano. In particolare oggi 4 luglio, grazie alle indiscrezioni del sito Huawei Central, sappiamo che a disposizione per il telefono dovrebbe esserci addirittura la ricarica a 66 W.

Se i Huawei Mate 40 avranno a disposizione proprio una ricarica a 66 W, la cosa gioverà e non poco ai tempi necessati per la procedura di alimentazione. I tempi di attesa proprio per un ciclo completo di caricamento della batteria potrebbero essere davvero ridotti all’osso e prossimi alla mezz’ora o poco più.

Da che cosa è possibile dedurre che i Huawei Mate 40 avranno proprio una tecnologia di ricarica a 66 W? Un nuovo caricabatterie siglato come HW-110600C00 ha ricevuto un certificato dall’ente China Compulsory Certificate (3C). La capacità di di carica massima della componente è appunto di 66 W (11 V + 6 A). Visto che la prossima ammiraglia in arrivo in autunno per il produttore Huawei sarebbe appunto quella della serie Mate, è indubbio che la tecnologia trovi spazio proprio a bordo dei top di gamma di fine anno.

Considerando l’avvento della ricarica a 66 W sui Huawei MAte 40, presumibilmente la stessa tecnologia si avrà pure a bordo del prossimo pieghevole Huawei Mate X2, Anche sull’implementazione hardware sui Huawei P50 di inizio 2021 non ci sono sostanziali dubbi.

Le ammiraglie più recenti tra le quali i Huawei Huawei P30, Mate 30 e P40 sono state lanciate con ricarica cablata da 40 W tra fine 2019 ed inizio 2020. Più che normale dunque sarebbe il salto verso una generazione successiva della tecnologia. Attendiamo solo conferme ai fatti.

Segui gli aggiornamenti della sezione Huawei sui nostri gruppi:

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.