Tanti dubbi sull’aquila di mare che cattura uno squalo nel video virale

Diventa popolare anche in Italia un documento che tuttavia richiede un approfondimento, secondo quanto raccolto

47
CONDIVISIONI
Aquila di mare

Sta facendo il giro del mondo in poche ore il video che ci mostra un’aquila di mare mentre cattura uno squalo. Questo, almeno, l’assunto che otteniamo attraverso una lunga serie di titoli in Italia e nel resto del mondo oggi 2 luglio. Qualche dubbio, però, resta, al punto che questo giovedì si torna a parlare del potenziale binomio tra fake news e animali, dopo le informazioni che vi abbiamo riportato ieri sulla vicenda del gatto arrostito nei pressi di Livorno.

Tutte le domande senza risposta sull’acqua di mare che cattura uno squalo

I fatti, secondo quanto si apprende in queste ore, si sarebbero verificati in California. Va detto che l’aquila di mare testabianca abbia una lunghezza di 70–100 cm, con un peso che oscilla tra i 3 e i 6 kg, senza dimenticare un’apertura alare compresa tra i 1,8 e i 2,3 metri. Secondo gli esperti di questo mondo, si tratta a conti fatti del più grande rapace del Nord America, ovviamente alle spalle del condor della California

Detto questo, ci sono diversi dettagli che non tornano e che al contempo mettono in discussione la storia dell’aquila che cattura lo squalo. In primis la qualità delle immagini non rendono certo il documento impermeabile ai dubbi di sorta. Non abbiamo abbastanza elementi per considerarlo autentico in modo inconfutabile. A questo, poi, si aggiunge il fatto che la preda sembra essere più uno sgombro che uno squalo. Almeno per dimensioni e, approssimativamente, per la sua sagoma.

Infine, analizzando la vicenda dell’aquila che cattura uno squalo, è curioso evidenziare come i bagnanti non si accorgano di quello che stia avvenendo. Nonostante si tratti di un fenomeno che dia nell’occhio e che allo stesso tempo sarebbe molto raro, nessuno sembra avere coscienza di quello che sta avvenendo in quegli istanti. Non sto parlano di bufala, dunque, ma di una questione ancora ambigua.

Segui gli aggiornamenti della sezione Trending News sui nostri gruppi:

Commenti (2):
Triangoloeinthoven

Basta guardare bene la testa (cresta carnosa, becco) e l’angolazione a “S” tra le ali, il collo, e la testa. A parte le dimensioni. Vi sono diverse altre diversità tra i due rapaci, troppo complicate da descrivere qui.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.