Per davvero sta arrivando il Google Pixel 4a: certificazioni IMDA e BIS

Aspettatevi a momenti il lancio del Google Pixel 4a, che ha collezionato altre due certificazioni (IMDA e BIS)

23
CONDIVISIONI

Ha già ricevuto la certificazione dell’ente indiano FFC il Google Pixel 4a, a cui adesso possiamo sommare quelle IMDA e BIS, come riportato da ‘mysmartprice.com‘. Ormai ci sono pochi dubbi sul fatto che il dispositivo di fascia media del colosso di Mountain View sia in procinto di essere lanciato, contrariamente a quanto era stato detto in tempi non sospetti (si parlava addirittura della possibilità potesse essere cancellato in favore di un Google Pixel 5a).

Le certificazioni IMDA e BIS confermano parte delle specifiche tecniche del Google Pixel 4a, che dovrebbe contare sulla connettività NFC, sul Wi-Fi a/b/g/n, sul Bluetooth e sul supporto alle reti 4G LTE (non ci sarà il 5G, come avevamo già ipotizzato). Precedenti indiscrezioni avevano suggerito il dispositivo potesse disporre di uno schermo OLED da 5.81 pollici con risoluzione FullHD+ (con frequenza di refresh rate entro determinati standard, non di certo altissimi vista la fascia di prezzo cui il telefono sembra apparterrà). La batteria dovrebbe avere una capacità di 3080mAh ed una fotocamera posteriore singola. Il Google Pixel 4a verrà quasi certamente spinto dal processore Snapdragon 730 (anche qui è palese l’assenza del supporto agli standard di rete 5G), con 4GB di RAM e tagli di memoria da 64 e 128GB.

Una scheda tecnica piuttosto modesta quella che si prevede il device monterà, anche se poi sappiamo bene quanta differenza possa fare l’ottimizzazione software (ce l’insegna anche l’esperienza fatta con il Google Pixel 3a, che non si è fatto certo pregare quando c’era da entrare in gioco). Quello che possiamo definire un dispositivo di fascia media è in realtà capace di fare grandi cose quando alle spalle c’è un lavoro di ottimizzazione software ben fatto: che sia proprio per questo che siete interessati anche voi al Google Pixel 4a? Fatecelo sapere lasciando un commento all’articolo attraverso il box in basso.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.