Elettra Lamborghini sbotta in difesa di La Isla: “Paginetta e il resto scompare”

Elettra Lamborghini difende la collaborazione con Giusy Ferreri: ecco cosa dice

Elettra Lamborghini sbotta in difesa di La Isla, il nuovo singolo con Giusy Ferreri da pochi giorni in radio e in digital download.

Parlare di flop è prematuro. La Isla ha appena iniziato il suo percorso in radio e in digitale e non è possibile accusarla di flop inteso come fallimento o scarso risultato tra vendite e classifica.

Quel che si può esprimere è invece il disappunto o il mancato apprezzamento per una canzone che, inevitabilmente, non metterà di certo d’accordo tutti.

Elettra Lamborghini legge in un articolo un’accusa di flop e sbotta. Inizialmente risponde per le rime al sito artefice dell’articolo poi cancella tutto per non dare visibilità ad una “paginetta”.

“Ho tolto il mio tweet di risposta al sito non perché me ne sia pentita ma perché stamattina, primo giorno di ciclo, non ho contato fino a 10 e ho scritto quello che pensavo di quella paginetta… appunto paginetta, parliamo del nulla, ha scritto Elettra Lamborghini su Twitter nella giornata di ieri.

Poi aggiunge: “Ho pensato gli stessi dando una visibilità che mai aveva avuto nella sua vita… Paginetta e il resto scompare”, conclude, prima di ringraziare tutti per il supporto a La Isla. Sono pochi infatti coloro che la reputano un flop; molti di più quelli entusiasti della nuova collaborazione con Giusy Ferreri, la prima in assoluto nella carriera delle due artiste.

Alla produzione del brano ci sono Takagi & Ketra, una garanzia quando si tratta di tormentoni estivi, e sia Giusy Ferreri che Elettra Lamborghini di tormentoni sono molto esperte!

La Isla è un pezzo leggero e tipicamente estivo, dal quale non si può pretendere nulla di più perché non aspira ad essere “impegnato”. Parlare di flop, a pochi giorni dal rilascio, è ingiusto e bisogna rimandare ogni giudizio sul suo successo alla fine dell’estate.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.