Manca un giorno a Dark 3, l’ultimo ciclo sta per iniziare: il mega riassunto per arrivare preparati all’appuntamento

Dark 3 è pronto a rispondere alle domande rimaste in sospeso nella seconda stagione, cosa ne sarà di Adam, Jonas e tutti gli altri?

131
CONDIVISIONI

Domani a quest’ora saremo già catapultati nella cittadina di Winden, molto probabilmente in un’altra dimensione, alle prese con i personaggi dell’amata Dark 3. Netflix si prepara a lanciare il conto alla rovescia in attesa dell’ultimo capitolo del viaggio nel tempo più impressionante e meglio costruito della storia della piattaforma e non solo. Domani saremo al 27 giugno 2020, la data in cui avviene l’annunciata apocalisse che Jonas ha cercato in tutti i modi di fermare, cosa succederà quindi e come andrà a finire?

Il rischio di rimanere delusi è davvero alto ma i fan sono sicuri che non c’è niente da temere, non dopo quello che si è riusciti a costruire in due stagioni. Al centro di tutto ci saranno ancora le storie di Michael, Hannah e il figlio Jonas; Ulrich, Katharina e i loro tre figli Magnus, Martha e Mikkel Nielsen; Regina, Alexander e Bartosz Tiedemann; Peter, Charlotte e le loro figlie Franciska e Elisabeth. Le cose per loro sono destinate a complicarsi e, magari, a chiudersi per sempre visto che andremo all’origine del “male” a quando tutto è iniziato e dove tutto finisce, il momento in cui tutto coincide, ma chi è a muovere le fila?

Ecco il trailer di Dark 3:

ATTENZIONE SPOILER!

La seconda stagione di Dark ci ha rivelato il volto di Adam, un vecchio sfigurato che tiene le redini della vita di un giovane Noah che, nel 1921, sta scavando il tunnel nella caverna, quella che custodirà il passaggio che permette i viaggi temporali. Alle sue spalle dovrebbe esserci la setta segreta Sic Mundus Creatus Est e al suo fianco Noah adulto pronto a trovare le pagine mancanti del diario scritto da Klaudia per mettere in fila gli eventi solo per scoprire che niente è come sembra. Adam ha mentito? Quali sono le sue vere intenzioni?

Altra storia quella di Charlotte Doppler. La donna scopre che lo Jonas adulto è legato a HG Tannhaus, il vecchio orologiaio di Winden che l’ha adottata, ed è proprio la sua versione adulta che le rivela che lei è figlia sua e di Elisabeth. Proprio per via dei loop temporali presenti in Dark, scopriamo che Charlotte è sia madre sia figlia di Elisabeth. Un altro colpo di scena arriva nel finale della seconda stagione quando Charlotte Doppler scopre dei residui radioattivi e capisce che sono legati all’apocalisse ma arriva sul posto troppo tardi, nel momento in cui la particella di Dio prende vita, lei sfiora con un dito quello della figlia (e madre) in versione adulta.

Ecco il riassunto messo insieme da Netflix:

Nello stesso momento il giovane Jonas e Claudia attivano la macchina nel 1987 ed l’Elisabeth nel 2053 fa lo stesso con la particella. Poco prima della distruzione, Jonas piange la sua Martha morta e si trova davanti ad una ragazza identica a lei pronta a portarlo in un’altra dimensione con il suo dispositivo.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.