In scena le “Lettere d’amore” nel Giardino degli Aranci del Rione Sanità

La passione e il tormento nelle “lettere d’amore” di Fernando Pessoa, George Byron, Frida Kahlo, Oscar Wilde, Eduardo De Filippo, Sibilla Aleramo e Dino Campana, Jack London e Domenico Salierno

39
CONDIVISIONI

Ripartire dall’amore, dal linguaggio poetico delle “lettere d’amore”di Fernando Pessoa, George Byron, Frida Kahlo, Oscar Wilde, Eduardo De Filippo, Sibilla Aleramo e Dino Campana, Jack London e Domenico Salierno.

Ripartire dall’intimità dei sentimenti, dall’emozione delle parole dei poeti, scrittori, artisti, drammaturghi. Ècon questa scelta che il Nuovo Teatro Sanità riprende il discorso teatrale interrotto dalla difficile emergenza da Covid-19.

“Lettere d’amore”, è dunque il nuovo progetto di Mario Gelardi, direttore artistico del collettivo ntS’, che propone, a partire da Venerdì 26 giugno e fino a Domenica 28 giugno, il primo appuntamento nel romantico Giardino degli Aranci del Rione Sanità. L’intima e inconfessabile scrittura amorosa che poeti e grandi scrittori hanno dedicato ai loro amati e alle loro amate, è interpretata in scena da Annalisa Direttore, Gennaro Maresca, Gaetano Migliaccio, Salvatore Nicolella, Carlo Vannini.

 «La comunicazione immediata e diretta del linguaggio social ha sostituito le lettere – scrive Mario Gelardi – anche per le dichiarazioni d’amore più importanti. Ma chi di noi non vorrebbe riceverne una? Abbiamo deciso di raccogliere le più belle parole d’amore e di raccontarle in un luogo segreto, quasi nascosto del rione Sanità. Segreto e intimo, quasi come le parole e la musica che accompagnerà i pomeriggi al tramonto, in questo luogo meraviglioso che è il Giardino degli aranci». 

Mettere in scena i sentimenti, ma anche le tormentate e travolgenti pene d’amore raccontate da poeti, pittori, grandi scrittori, uomini di cultura è come entrare e scavare nei segreti dell’anima di questi grandi protagonisti, travalicando i confini della loro più intima passione. Carteggi epistolari con cui abbiamo potuto confrontarci con l’umana e universale sofferenza e passione amorosa. 

Ed è con questo spirito che seguiremo in scena la  grande passione, l’intreccio tra arte ed amore, tra Frida Kahlo e Diego Rivera; l’amore folle e devastante tra Dino Campana e Sibilla Aleramo; le poetiche parole che Fernando Pessoa dedicò a Ophèlia Queiroz, con la quale visse una storia quasi in clandestinità a causa della differenza d’età; e poi ancora le missive che Jack London, autore di “Zanna Bianca”, dedicò all’amata Anna Stunsky; e ancora le parole di George Byron, Oscar Wilde, la prosa di Eduardo De Filippo e Domenico Salierno, riecheggeranno nella suggestiva cornice del Giardino degli aranci alla Sanità.

Un luogo all’aperto, sanificato con il supporto della Farmacia del dottor Ersilio Mele, per tutelare la sicurezza del pubblico. Lo spettacolo replica sabato 27 giugno e domenica 28 giugno. Sono previsti tre turni (ore 18.30-19.30-20.30), per un massimo di 15 spettatori a rappresentazione, pertanto è necessaria la prenotazione al numero 3396666426 oppure all’indirizzo e-mail info@nuovoteatrosanita.it. Costo del biglietto unico 10 euro; gratuito per gli abbonati ntS’. Il luogo di ritrovo è presso la Chiesa di San Severo fuori le mura.

Costo del biglietto unico: 10 euro. Gratuito per gli abbonati ntS’;

Info e prenotazione obbligatoria almbl. 3396666426,  mail: info@nuovoteatrosanita.it

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.