Ego è il nuovo singolo di Jasmine Carrisi (audio e testo), la figlia di Al Bano esordisce nella musica

La figlia di Al Bano e Loredana Lecciso debutta in musica con il nuovo singolo Ego

2
CONDIVISIONI

Il nuovo singolo di Jasmine Carrisi segna il debutto in musica della figlia di Al Bano e Loredana Lecciso. La sua passione per il canto era già nota e dichiarata anche dal padre, che non ha mai fatto mistero del talento della figlia minore, avuta dopo la rottura del matrimonio con Romina Power.

La formazione di Jasmine si divide tra la musica rap e quella trap, che è quella per la quale prova una passione maggiore. Il brano conta sulla collaborazione di Alterisio Paoletti, già nella squadra di Al Bano da molti anni.

Il testo del singolo, rilasciato su etichetta A.C. Production e distribuito da Sony Music, è di Jasmine che ha voluto mettere in evidenza la superficialità dei rapporti tra i giovani nella società moderna. Le doti canore della giovane Carrisi sono certamente ereditate dal padre Al Bano.

Che il suo debutto in musica fosse imminente era chiaro da tempo. L’occasione giusta per il rilascio in anteprima su Radio Norba è stata il compleanno della Carrisi, che ha deciso di festeggiare in una maniera del tutto insolita e con un singolo che ha scritto di suo pugno.

Jasmine è figlia d’arte ma anche sorella d’arte. Cristel, figlia di Al Bano e Romina Power, è un’ottima musicista e cantante. La fama di suo padre è invece nota a tutti, in Italia ma anche all’estero, dove è molto amato da decenni. I suoi tour toccano tutto il mondo e sono pochissimi i paesi in cui non ha cantato nei suoi oltre 55 anni di carriera.

Tra Loredana Lecciso e Al Bano continua un tira e molla senza precedenti. Sembra che i due abbiano trascorso la quarantena insieme e di aver così riunito la famiglia in periodo di lockdown. Il riavvicinamento è stato confermato anche sulle colonne di un noto settimanale, nonché da Loredana Lecciso durante un’ospitata a Live Non è La d’Urso, occasione in cui aveva ridimensionato la situazione.

Testo di Ego di Jasmine Carrisi

Guardiamoci dentro prima che intorno
Ora che quelle voci sono solo un contorno
Dritta per la mia strada anche quando va tutto storto.

Stropicciamo i sentimenti come fossero un foglio
Affoghiamo in un gin tonic tra le luci del tramonto
Ho superato il limite il filo del rasoio.
Chissà cosa nascondi dietro le lentine
Siamo in silenzio con mille cose da dire
Brindiamo con due calici di vetro
Mentre sprofondiamo nel nostro stesso ego.
Prendi la mia foto e giocaci a freccette
Il mio orologio non ha più lancette
Alle tue lezioni di vita, segnami assente.
Sono le quattro e sono ancora sveglia
Scrivo sui vetri appannati della mia finestra
Mi serve un’aspirina, nella testa c’è casino
Tu vieni qui, ti spengo come un accendino.
Dimmi, mi guardi e a cosa pensi
Ti nascondi nel cappuccio Fendi
Dimmi a cosa pensi dai
Se hai qualcosa dentro oltre quelle Nike.

Guardiamoci dentro prima che intorno
Ora che quelle voci sono solo un contorno
Dritta per la mia strada anche quando va tutto storto
Stropicciamo i sentimenti come fossero un foglio
Affoghiamo in un gin tonic tra le luci del tramonto
Ho superato il limite il filo del rasoio.

Parlo di me però a voce bassa
Chiusa tra le mura di questa stanza
ti ipnotizzo come per incanto
Vuoi giocare e giochiamo, scacco matto.
Se non capisci dimmelo che te lo rispiego
Se non ti vedo è perché mi stai dietro
Tutti mainstream, dove stanno quelli veri
Me ne fotto dei tuoi scleri.
Chissà cosa nascondi dietro le lentine
Siamo in silenzio con mille cose da dire
Brindiamo con due calici di vetro
Mentre sprofondiamo nel nostro stesso ego
Prendi la mia foto e giocaci a freccette
Il mio orologio non ha più lancette
Alle tue lezioni di vita, segnami assente.

Guardiamoci dentro prima che intorno
Ora che quelle voci sono solo un contorno
Dritta per la mia strada anche quando va tutto storto
Stropicciamo i sentimenti come fossero un foglio
Affoghiamo in un gin tonic tra le luci del tramonto
Ho superato il limite il filo del rasoio.

Guardiamoci dentro prima che intorno
Ora che quelle voci sono solo un contorno
Dritta per la mia strada anche quando va tutto storto
Stropicciamo i sentimenti come fossero un foglio
Affoghiamo in un gin tonic tra le luci del tramonto
Ho superato il limite il filo del rasoio.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.