Vasco Rossi ripensa al carcere, alla malattia e al grande successo: “Fiero di aver tenuto duro”

In una lunga confessione prima dell'uscita del libro One Way Ticket, Vasco Rossi ha ripercorso tutti i momenti più importanti della sua esistenza

1
CONDIVISIONI

Vasco Rossi ripensa al carcere in un momento in cui è chiamato a ripercorrere la sua vita. Il Kom ha fatto una lunga chiacchierata con Armando Gallo, per il libro One Way Ticket che uscirà nel 2021. Alcune delle parole del rocker di Zocca sono state anticipate dal settimanale Oggi, che rivela diversi degli argomenti toccati durante l’intervista.

Immancabile il ricordo di Modena Park, che Vasco Rossi ha curiosamente assimilato alla sua lontana esperienza in carcere. A fargliela ricordare sarebbero state le scale, quelle che aveva percorso per giungere all’entrate. Quelle scale sono le stesse che l’hanno condotto sul grande palco dell’evento del 1° luglio 2017 e durante il quale ha cantato di fronte a 220000 persone: “Ho preso il microfono e sono salito, lentamente, inebriato da un grande senso di soddisfazione per essere stato capace di tenere duro per tutti questi anni, per essere riuscito a trasformare tutte le avversità in successi”.

La portata dell’evento è stata definita monumentale. Tra pochi giorni, ricorrerà il terzo anniversario da Modena Park ma Vasco è già sicuro di non poter ripetere un concerto di quella portata: “Mi tengo stretto un senso di soddisfazione grandissimo perché tutto ha funzionato senza il minimo intoppo, anche sotto il profilo dell’ordine pubblico. La tempesta perfetta. Una cosa del genere non sarà neanche più ripetibile, io sinceramente non lo farò mai più”.

C’è spazio anche per parlare della malattia, della quale Vasco ha sofferto in passato. Un mondo tutto nuovo, per il Kom, che non era mai stato malato a lungo: “È stata un’esperienza grande e terribile, ma questo l’ho capito dopo. Quando, dopo aver cominciato a sentirmi meglio, ho rivisto il mondo con occhi diversi… Adesso ho molta più consapevolezza”.

I concerti di Vasco Rossi per il 2020 sono già rimandati. Tutte le date già in programma saranno recuperate nelle medesime città, quindi Milano, Firenze, Imola e Roma dove concluderà il tour nei festival.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.