Le riprese de La Casa di Carta 5 al via, Alvaro Morte racconta le criticità delle norme anti-Covid

Stanno per partire le riprese de La Casa di Carta 5, con i nuovi protocolli sanitari per contenere il contagio da Covid-19: parla Alvaro Morte

637
CONDIVISIONI

Come per molte altre produzioni audiovisive, si avvicina la data d’inizio delle riprese de La Casa di Carta 5: a confermarlo è il suo protagonista Alvaro Morte, che si è detto preoccupato dalla necessità di lavorare in condizioni limitanti per via dei nuovi protocolli anticontagio.

Come in Italia, dove sono ripartite diverse produzioni da Suburra 3 a Tutta Colpa di Freud, anche in Spagna si sta lavorando alla riapertura dei set: trattandosi di uno dei Paesi europei che ha più sofferto per la pandemia da Coronavirus, con numeri importanti sul fronte dei contagiati e delle vittime, anche il governo spagnolo imporrà il rispetto dei protocolli di sicurezza molto serrati sui set (presumibilmente simili a quelli in vigore in Italia).

Per quanto riguarda le riprese de La Casa di Carta 5, stagione non ancora annunciata ufficialmente da Netflix ma evidentemente prevista dopo i numeri dei flussi streaming della precedente – Alvaro Morte ha raccontato alla testata spagnola fotograma.es che sarà molto impegnativo recitare nel rispetto delle distanze.

Secondo il sito, le riprese de La Casa di Carta 5 inizieranno nelle prossime settimane, attenendosi al protocollo sanitario previsto per le produzioni audiovisive. Alvaro Morte, ora protagonista del thriller di HBO-Hulu The Head, ha spiegato di aver ricevuto indicazioni sul fatto che la lavorazione della serie durerà più del previsto perché sarà impossibile rispettare i ritmi di prima con le nuove norme anticontagio.

Ci hanno avvertito che sarà difficile. Ci vorrà più tempo che in condizioni normali. Le misure di sicurezza ostacoleranno molto le giornate lavorative e spero solo che tutto ciò sia momentaneo e che, con un vaccino o altro, arriverà un momento in cui faremo le cose come prima. Non solo nelle riprese, ma nella nostra vita in generale. Per me, incontrare qualcuno e dargli il gomito invece di un abbraccio è una cosa terribile.

L’attore è pronto a tornare sul set de La Casa di Carta 5 nel ruolo dell’iconico Professore, ma sottolinea anche quanto sia difficile per gli sceneggiatori scrivere dei copioni con scene in cui sia previsto il mantenimento delle distanze minime di sicurezza tra gli attori che devono interpretarle. Le esigenze delle produzioni cine-televisive e quelle degli scrittori sono inevitabilmente in contrasto.

Per gli sceneggiatori scrivere scene senza persone che si baciano o si picchiano è impossibile. Capisco che i produttori devono ripartire adesso, ma è molto difficile farlo in queste condizioni. 

Il problema sollevato da Morte riguarda tutte le serie tv e i film in generale, ma certamente per La Casa di Carta 5, caratterizzata da molta azione e molte interazioni fisiche tra i personaggi, sarà ancor più complesso portare a casa un’intera stagione con la necessità di rispettare il distanziamento sociale. Ad ogni modo, la previsione è di riaprire il set de La Casa di Carta 5 quest’estate, probabilmente in previsione di un lancio della nuova stagione nel 2021.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.