La “resurrezione” di Hopper in Stranger Things 4, le anticipazioni di David Harbour sulla nuova stagione

Prime anticipazioni sul ritorno di Hopper in Stranger Things 4, l'attore David Harbour parla di una "nuova resurrezione"

Il ritorno di Hopper in Stranger Things 4 non è certo una novità: già dal teaser della nuova stagione, rilasciato da Netflix in occasione dell’annuncio dell’avvio di produzione a febbraio, il personaggio era apparso vivo e vegeto, ma costretto ai lavori forzati in Russia.

Il finale della terza stagione che aveva lasciato intendere la sua morte si è rivelato in realtà ingannevole, mentre la scena post-credit sul prigioniero “americano” era l’indizio corretto sulla salvezza del personaggio.

Ma come sarà la storyline di Hopper Stranger Things 4 ora che è lontano da Hawkins e dalla figlia acquisita Eleven? L’attore David Harbour ha fornito qualche anticipazione al pubblico durante una videoconferenza con i due creatori della serie, i fratelli Duffer, e un giornalista di Deadline.

Come aveva già dichiarato in precedenza, Harbour ha confermato che ci saranno alcune importanti rivelazioni sul passato Hopper in Stranger Things 4, aggiungendo che in generale il tono più oscuro della nuova stagione avrà delle conseguenze anche sul suo personaggio.

Oltre a scoprire alcuni “retroscena di Hopper” finora inediti, infatti, il pubblico vedrà delle sfumature nuove e più intime del personaggio.

Sono felice di poter mostrare questi colori profondi del personaggio. Ogni stagione vediamo un lato diverso di lui. La scorsa stagione è stata un po’ più strana, e mi è piaciuto molto interpretarla. Adesso è dipinto con una tavolozza di colori un po’ più scura, per poter esprimere alcune cose davvero profonde che abbiamo solo accennato nella stagione 2.

Evidentemente quel che sarà rivelato di Hopper in Stranger Things 4 riguarda, tra le altre cose, il legame con la compianta figlia, che è stato il motore capace di innescare in lui un senso di protezione nei confronti di Eleven al punto da diventare il padre che la ragazzina non ha mai avuto. Ma ci sarà anche molto horror in termini di ambientazioni paurose e mostri da combattere, assicura l’attore, oltre a “qualche grande azione in stile Indiana Jones” in questa stagione che si preannuncia più spaventosa delle precedenti.

Harbour parla della scena del teaser in cui Hopper lavora in mezzo alla neve come dell’ennesima “resurrezione” di questo personaggio, che si è sacrificato per salvare i ragazzi nella terza stagione per rimediare in qualche modo al senso di colpa di non aver potuto salvare sua figlia malata di cancro.

Harbour ha dichiarato di sentirsi molto a suo agio nell’ambientazione anni Ottanta della serie, visto che essendo nato nel 1975 ha vissuto quell’epoca da adolescente. La terza stagione, ambientata nell’estate 1985 tra piscine comunali e grandi centri commerciali, è stata capace secondo l’attore di restituire esattamente l’atmosfera di quel periodo: “La somiglianza era davvero impeccabile. Ho trascorso molto, molto tempo nei centri commerciali di Westchester quando avevo 13 anni. Direi che è stato quasi perfetto“.

Offerta

Al momento le riprese di Stranger Things 4 non sono ancora ripartite: prima del lockdown, la produzione ha girato per sole due settimane a Vilnius in Lituania, dove è stato realizzato il teaser. Impossibile dunque fare previsioni sull’uscita della stagione su Netflix, che a questo punto potrebbe non arrivare sulla piattaforma nemmeno entro il 2021.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.