La guida definitiva per scegliere un condizionatore portatile

Alcune dritte che potrebbero fare la differenza in un momento particolare dell'anno come questo

2
CONDIVISIONI
condizionatore portatile

Meglio un condizionatore fisso o portatile? Funziona davvero un climatizzatore portatile? Occupa molto spazio? Quanto consuma? Se siete arrivati fin qui è perché non avete ancora ricevuto valide e convincenti risposte alle vostre domande, e siete decisi ad acquistarne uno.

Saltando quindi tutte le informazioni generiche, vogliamo con questo articolo, proporvi una guida definitiva per la scelta del vostro condizionatore portatile.

TUBO SÍ O TUBO NO?

Come ci spiega Bruno Mariucci, esperto installatore e collaboratore del sito specializzato ilcondizionatoreportatile.it, questo tipo di elettrodomestico si divide fondamentalmente in due grandi tipologie: condizionatori portatili con o senza il tubo di scarico. Nessuno dei due è meglio dell’altro, e la scelta casca sempre in base alle esigenze.

Da anni vediamo pubblicizzare condizionatori portatili senza tubo, sicuramente molto comodi per gli spostamenti e per la collocazione, ma hanno la stessa efficienza di quelli col tubo? Facciamo chiarezza una volta per tutte su questo argomento.

I condizionatori portatili con tubo sono dotati di un motore refrigerante, rinfrescano l’ambiente ed eliminano l’aria calda della stanza per mezzo del tubo posizionato verso l’esterno. Risultano essere più rumorosi, pesanti e hanno un consumo energetico superiore ai condizionatori senza tubo, ma a differenza di questi ultimi, sono veri e propri condizionatori e rinfrescano gli ambienti come un condizionatore fisso.

I condizionatori senza tubo sono paragonabili a dei ventilatori molto potenti, riescono ad abbassare la temperatura della stanza al massimo di due o tre gradi, hanno un consumo energetico minore, ma la loro potenza ed efficacia sono decisamente inferiori.

Il consiglio quindi, è di optare per un condizionatore portatile con tubo, che, sì, è fastidioso, un po’ ingombrante e a volte risulta essere antiestetico, ma è necessario per poter ottenere un buon livello di raffreddamento.

LA POTENZA

È assolutamente indispensabile quando si acquista un condizionatore portatile, avere le idee chiare dei BTU necessari per un corretto raffreddamento. I BTU variano in base alle caratteristiche della stanza da raffreddare:

  • tenere conto dei metri quadri utili della camera;
  • considerare l’esposizione della stanza alla luce solare;
  • valutare il tipo di ambiente da raffreddare.

I BTU infatti sono il parametro da considerare per un idoneo raffreddamento della stanza, lo stesso parametro che viene utilizzato per i condizionatori fissi. Solitamente per raffreddare una stanza da quindici a trenta metri quadri, occorre un condizionatore con potenza dai settemila ai dodicimila BTU.

Se la stanza è esposta per molte ore al giorno al sole, ed accumula quindi molto calore, o se l’ambiente non ha porte e quindi il raffreddamento viene disperso, sarà opportuno considerare un prodotto che eroghi almeno 10.000 BTU di potenza.

IL RUMORE

Come abbiamo già accennato, i condizionatori portatili con tubo sono più rumorosi di quelli senza tubo, per la potenza di raffreddamento che garantiscono. È possibile ricorrere a piccole strategie per ovviare al disturbo del rumore:

  • collocare l’elettrodomestico più distante possibile nella stanza, per una minore percezione del fastidioso rumore;
  • utilizzare durante la notte la funzione “sleep”, che permette una riduzione significativa del rumore;
  • preferire apparecchi dotati della funzione “silent”, che permette una buona diminuzione  del rumore.

I CONSUMI

I consumi variano in base alla potenza del condizionatore, risulta evidente quindi che i condizionatori portatili con tubo consumano molto più di quelli senza tubo, paragonabili però, per consumi ed efficienza, a dei semplici ventilatori.

Il consumo energetico dipende però, anche dall’utilizzo consecutivo o al contrario ponderato dell’apparecchio: un uso proporzionato sicuramente porterà a consumi contenuti senza rinunciare al raffreddamento ottimale. È anche consigliabile, scegliere apparecchi di classe energetica A+, che garantiscono una tecnologia avanzata e un contenuto consumo energetico.

Anche il gas refrigerante utilizzato dall’apparecchio incide sui consumi, è consigliabile scegliere condizionatori portatili con gas refrigerante non tossico e naturale come l’R32.

DESIGN E FORMA

Anche La forma e il design sono elementi da considerare per l’acquisto di un condizionatore portatile. Tenendo conto che l’apparecchio verrà posizionato vicino ad una finestra, per l’esigenza di collocazione del tubo esterno, la forma non deve essere molto grande onde evitare di occupare molto spazio ed essere di intralcio nel passaggio.

Il design potrebbe sembrare una caratteristica di poco conto da ricercare, ma considerando che l’elettrodomestico farà parte dell’arredamento della stanza, è bene tenere conto anche del look. Optare per apparecchi dallo stile classico, armonioso ed elegante, facilmente adattabile a qualsiasi ambiente.

LE FUNZIONI PIÙ UTILI

Affinché un condizionatore portatile sia efficiente e funzionale, è fondamentale acquistarne uno con determinate caratteristiche tecniche, ponendo particolare attenzione a funzioni innovative, di cui i recenti modelli sono dotati:

  • temporizzatore, una funzione a volte sottovalutata nella scelta di condizionatore portatile, ma fondamentale. Questa funzione infatti, permette di impostare una programmazione oraria di accensione e spegnimento dell’elettrodomestico, in base alle esigenze. In alcuni modelli con questa funzione è possibile effettuare più programmazioni giornaliere, potrete quindi ad esempio programmarlo un’ora prima del vostro rientro a casa e godere da subito del raffreddamento dell’ambiente;
  • regolatore di velocità, una manopola permette di regolare la velocità di diffusione dell’aria: “bassa, media e alta”. Funzione fondamentale per un’areazione corretta dell’ambiente in base alle esigenze e al grado di calore e di umidità presenti, oltre a contenere i consumi energetici.
  • funzione notturna, permette di regolare la temperatura e ridurre notevolmente la rumorosità dell’apparecchio durante le ore notturne, garantendo e favorendo un riposo fresco e indisturbato. La funzione “sleep” è indicata sull’elettrodomestico da una mezza luna, una stella o una scritta, è importante verificarne la presenza prima dell’acquisto;
  • display touch a sfioro e telecomando multifunzione, per facilitare le impostazioni di tutte le funzioni: deumidificazione, ventilazione, raffreddamento, sleep, timer e standby, che grazie all’illuminazione a led del display, risulteranno visibili anche a distanza;
  • ruote per lo spostamento, quattro ruote e maniglie laterali per favorire un semplice spostamento dell’elettrodomestico e una facile collocazione nell’ambiente;
  • alette di emissione aria orientabili e dotate di oscillazione automatica, per consentire una migliore distribuzione dell’aria fresca nell’ambiente;
  • filtri estraibili e lavabili, funzione indispensabile per garantire una corretta e costante pulizia, onde evitare che particelle varie, smog e polvere si annidino all’interno dell’elettrodomestico e causino malfunzionamenti e diffusione di aria dannosa per la salute.

Ebbene dopo questa carrellata di informazioni speriamo di aver reso più chiara la situazione e di avervi aiutato nella scelta per l’acquisto di un condizionatore portatile.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.