Un’estate senza concerti di Vasco, ma il Kom non si arrende: “Lavoro per il 2021”

Il Kom si prepara per la prossima annata di concerti in programma per il 2021

Sarà un’estate senza concerti di Vasco, quella che sta per arrivare, e dalla quale sono stati banditi tutti i live che erano stati organizzati nei grandi spazi, nei quali non era possibile garantire il distanziamento sociale.

Questa sorte è toccata anche ai concerti di Vasco, che si terranno nel 2021 e per i quali sono già state annunciate le nuove date. Le città sono sempre le stesse, quindi la musica del Kom approderà a Imola, Milano, Firenze e Roma.

Il Covid non ha portato via solamente i concerti ma anche la vacanza in Puglia che Vasco è solito trascorrere dopo i concerti: “Il Kalidria posto dove mi ero adattato oramai come a casa non aprirà per tutta la stagione. Mi dispiace perché è un posto a cui sono affezionato, ci ho lavorato, riposato e allenato sempre con la ‘bellezza’ negli occhi”.

L’obiettivo di Vasco è arrivare al 2021 “lucido”, per affrontare al meglio l’avventura che lo attende il prossimo anno. Le tappe da affrontare in questi mesi saranno molteplici, a cominciare dal rilascio di un possibile nuovo singolo sul quale è tornato a lavorare da poche settimane, dopo la fine della Fase 1 che imponeva di stare a casa.

Tutti i lavori sono stati interrotti a causa dell’emergenza Coronavirus, ma Vasco ha già avuto il tempo di tornare in studio per realizzare nuovi progetti. Si parla anche della possibilità di un ritorno con un nuovo album, che darebbe un seguito all’uscita del 2014 in Sono Innocente.

In queste settimane, Vasco si sta godendo un po’ di meritato relax a Rimini, dove ha tenuto un’intervista con Giorgio Verdelli che sarà trasmessa il 1° luglio, in occasione dello speciale per il terzo anniversario del concerto-evento a Modena. Sarà quindi l’occasione per ricordare le emozioni del concerto, l’ultimo al quale ha presenziato Guido Elmi prima della sua scomparsa, avvenuta il 31 luglio 2017.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.