Possibile rinvio per Huawei Mate 40: ecco di quanto potrebbero tardare

I prossimi top di gamma della serie Mate potrebbero arrivare con un certo margine di tardo quest'anno

1
CONDIVISIONI

La serie dei Huawei Mate 40 potrebbe subire un ritardo stando alle ultime indiscrezioni emerse: come riportato da ‘asia.nikkei.com‘, il cambio di strategia sarebbe stato imposto indirettamente dal ban USA relativamente alla produzione dei processori che i flagship sono soliti richiedere per garantire alte prestazioni, e di cui i Huawei Mate 40 costituiscono il prossimo tassello in ordine temporale. I chipset HiSilicon vengono realizzati dal produttore cinese, ma assemblati da TSMC, ed è per questo che l’OEM sarà obbligato a guardarsi bene intorno a caccia di un fornitore in grado di soddisfare le proprie domande, chiaramente in tempi ragionevoli.

Alla luce di quanto detto, l’azienda di Shenzhen starebbe rivedendo il livello di inventario dei processori HiSilicon, verificando nel frattempo le offerte di MediaTek e Qualcomm, cosa che potrebbe anche comportare la riprogettazione delle parti meccaniche dei dispositivi futuri (ci vorrà, per questo, del tempo in più). Adesso capite bene perché si parla di un ritardo di 1 o 2 mesi per la produzione dei Huawei Mate 40: se così dovesse essere, i dispositivi verrebbero lanciati pressoché nello stesso arco temporale dei prossimi iPhone 12, avversari non di poco conto, e che siamo sicuri il produttore cinese avrebbe volentieri evitato per garantire la massima spinta alle vendite dei Huawei Mate 40.

Il ban USA continua a mettere il bastone tra le ruote dell’OEM, che, dal canto suo, insiste nel tenere botta e ad uscire a testa alta dalle avversità. Per tutto quanto il resto bisognerà aspettare per capire come evolverà la situazione da questo momento in poi, e se magari alla fine le cose si risolveranno per il meglio senza dover ricorrere ad interventi estremi. Se avete qualche domanda da farci il box dei commenti in basso è a vostra disposizione: saremo lieti di rispondervi il prima possibile.

Segui gli aggiornamenti della sezione Huawei sui nostri gruppi: