Al Bano contro Telecinco dopo l’inchiesta su Ylenia: “Invoco il diritto all’oblio”

L'artista di Cellino San Marco furioso dopo l'ultima inchiesta di Telecinco sulla figlia Ylenia

Al Bano contro Telecinco dopo l’inchiesta su Ylenia, dalla quale sarebbero emerse novità sul caso della figlia scomparsa all’inizio del 1994 e della quale non si sono avute più notizie. Nel 2013, Carrisi ha richiesto che la figlia primogenita fosse dichiarata morta.

L’artista invoca il diritto all’oblio, dopo anni di sofferenze e di speculazioni che sono riemerse nelle ultime settimane. Secondo l’emittente spagnola, infatti, Ylenia Carrisi sarebbe ancora viva e sposata a Santo Domingo. Le indiscrezioni, già note, sono già state giudicate inattendibili.

Al Bano aggiunge di essere a conoscenza di questi dettagli e si dice infuriato per l’inchiesta condotta in Spagna, messa in piedi con soli scopi di audience. Si minacciano denunce, rivolte a coloro che stanno sfruttando il caso di Ylenia Carrisi, ormai chiuso, per speculare e ottenere ascolti.

Non è la prima volta che si torna sul caso di Ylenia, scomparsa misteriosamente quando si trovava negli Stati Uniti. L’ultima telefonata, nella quale ha scambiato qualche parola con la madre, è di qualche ora prima della scomparsa.

Negli anni, si è detto e supposto moltissimo sul caso, che ha colpito profondamente la famiglia Carrisi e il pubblico intero, già affezionato a Ylenia oltre che ad Al Bano e Romina.

A distanza di 26 anni, il suo caso suscita ancora clamore e non smette di interessare il pubblico. Tuttavia, la famiglia chiede a gran voce che si smetta di speculare sulla scomparsa di Ylenia.

Nei giorni scorsi, Al Bano è intervenuto per parlare dell’attuale situazione delle sue finanze dopo l’emergenza Coronavirus, che ha messo in difficoltà la sua tenuta in Puglia. L’artista è anche finito nell’occhio del ciclone per aver dichiarato di percepire una pensione troppo bassa per far fronte alle spese, chiarendo poi la sua posizione che era stata fraintesa. Al Bano è stato il primo a tornare sul palco dopo il Covid, con il concerto gratuito che ha tenuto a Taranto.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.