Tutte le regole delle spiagge (anche libere) per l’estate Covid-19 2020, regione per regione

Inizio della stagione estiva delineato da numerosissime regole e procedure

6
CONDIVISIONI

Quali sono le regole delle spiagge libere e non libere per questa speciale estate 2020 contrassegnata ancora dalla pandemia Covid-19? Ogni regione si è organizzata in autonomia nella gestione degli spazi di litorale non occupato da lidi e quelli gestiti da privati. Ecco dunque le specifiche linee guida adottate da ogni singolo ente locale

Veneto

Le regole delle spiagge in Veneto prevedono 10 metri quadrati di spazio per ogni ombrellone; nei lidi per prenotare il pranzo ci sono i menù digitali e l’app “J.Beach” permette di prenotare il proprio posto in spiaggia.

Friuli-Venezia Giulia

La prenotazione del posto in spiaggia avviene attraverso il portale PromoTurismoFVG. In particolare, nelle spiagge libere sono segnalati i punti esatte dove è possibile piantare l’ombrellone. Ogni postazione prevede fino ad un massimo di 5 bagnanti (i minori di 12 anni non contribuiscono al conteggio).

Liguria

Anche nella regione Liguria si garantiscono 10 metri quadri per ombrellone e sanificazione costante delle aree comuni. Ogni comune gestirà gli spazi delle spiagge libere: ogni cittadino poi potrà utilizzare l’app “Obiettivo Spiagge” per verificare la presenza di posti disponibili,

Emilia Romagna

In Emilia Romagna sono previsti ben 12 metri quadrati per ogni ombrellone. I comuni possono regloare gli ingressi nelle spiagge libere secondo procedure locali. Le app di riferimento per questa regione sono due: “BeachAround” e “Click to Beach”.

Toscana

Le regole delle spiagge toscane ricalcano quelle di altre zone d’Italia con sanificazione continua degli spazi comuni e distanze fissate tra gli ombrelloni nei lidi. Per le spiagge libere la gestione è assicurata dalle singole amministrazioni locali, ma in generale il distanziamento tra i singoli bagnanti dovrà essere non inferiore a 1 metro.

Marche

Nelle spiagge libere l’osservanza del distanziamento sarà assicurato ad una vigilanza costante. Le spiagge attrezzate garantiscono almeno 10,5 metri di distanziamento tra gli ombrelloni. Le app per la prenotazione del posto in riva al mare sono due, ossia “Sirolo Spiagge” e “iBeach”.

Lazio

Anche nel Lazio, le regole delle spiagge prevedono 10 metri quadri di spazio per ogni ombrellone. Le spiagge libere sono sorvegliate da addetti e sul litorale romano, in particolar modo, la segnaletica indica il posto in cui posizionarsi.

Abruzzo

Anche in Abruzzo ci sono almento 10 metri quadri di superfice per ombrellone nei lidi. I comuni gestiscono gli ingressi in spiaggia, con addetti che verificano sempre il distanziamento tra gruppi di persone.

Campania

Tra le regole delle spiagge in Campania si conferma quella dei 10 metri quadrati per ombrellone neilidi. Obbligo di macherina fino all’arrivo nella propria postazione e divieto di assembramento sulla battigia. Spiagge libere legate grosso modo alle stesse regole, con controllo costante da parte dei vigilanti.

Puglia

La distanza minima tra gli ombrelloni è di 3 metri: percorsi definiti per le aree comuni andranno sempre rispettati. La gestione delle spiagge libere spetta agli enti locali specifici. I turisti da fuori regione dovranno registrarsi sul sito dell’ente regionale.

Calabria

C’è obbligo di registrazione anche per i turisti in Calabria attraverso il portale rcovid19.it . Per quanto riguarda le regole delle spiagge, sono confermati i 10 metri quadrati per ombrellone e la sanificazione continua dei lidi. La gestione delle spiagge libere segue procedure dettate dai singoli comuni.

Sicilia

Le regole delle spiagge siciliane organizzate prevedono 20 metri quadrati per ombrellone e un metro e mezzo di distanziamento tra lettini. . Per le spiagge libere ci sono servizi di sorveglianza costanti da parte dei comuni. La registrazione dei turisti da fuori regione è obbligatoria con l’App “SiciliaSiCura”.

Sardegna

Le regole per le spiagge in Sardegna sono identiche sia nel caso di spazi liberi che di quelli organizzati con i lidi. Dunque i famosi 10 metri quadrati tra gli ombrelloni devono sempre essere garantiti. Ci saranno procedure molto stringenti con ingresso a numero chiuso per le spiagge più
amate come quella di Stintino, Cala Goloritzé e Cala Mariolu nel Golfo di Orosei, ma anche per quella del Poetto di Cagliari. Per chi giunge sull’isola c’è l’obbligo di registrazione attraverso il sito della regione.

Per le regioni Molise e Basilicata, almeno per il momento, non si registrano indicazioni particolari per le regole in spiaggia.

Segui gli aggiornamenti della sezione Trending News sui nostri gruppi:

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.