Che fine ha fatto Justin Chambers dopo aver lasciato Grey’s Anatomy?

A cinque mesi dal suo addio alla serie dopo 15 anni nei panni di Alex Karev, che ne è di Justin Chambers?

2653
CONDIVISIONI
@PageSix

L’annuncio è arrivato a sorpresa a gennaio, il suo episodio d’addio è andato in onda solo a marzo e senza la sua partecipazione in video: quando Justin Chambers ha comunicato al pubblico che avrebbe lasciato Grey’s Anatomy è stato uno shock per gran parte degli affezionati al medical drama, in particolare quelli della prima ora, e da quel momento l’attore non si è più fatto vito.

Nessuna motivazione particolare per la sua decisione, se non la volontà di dedicarsi ad altri progetti, che è un po’ quel che si dice sempre in questi casi: Justin Chambers ha comunicato il suo addio al cast spiegando che dopo aver trascorso 15 anni nei panni dello stesso personaggio “non c’è buon momento per dire addio” ad un’esperienza così rilevante per la propria vita, ma che spera di “diversificare i miei ruoli di attore e le mie scelte di carriera“, ora che ha 50 anni e una famiglia numerosa (ben cinque figli) per la quale si sente estremamente fortunato.

Le sue uniche dichiarazioni dopo l’annuncio dell’uscita da Grey’s Anatomy sono arrivate ai microfoni di People, che lo ha intercettato per strada chiedendogli anche un commento sui rumors riguardanti presunti problemi di salute mentale che sarebbero stati alla base della scelta di lasciare la serie. In quell’occasione, senza smentire il presunto malessere psicologico, Justin Chambers ha dichiarato che dopo “un gran pezzo di vita” trascorso sul set di Grey’s Anatomy vuole dedicarsi ad altro, ad esempio realizzare dei documentari, ma soprattutto godersi “la vita, la famiglia, l’amore e l’amicizia“.

Da allora nessun altro aggiornamento sulla sua vita o sulla sua carriera: il suo profilo Instagram è fermo a circa un anno fa, quello Twitter è inattivo dal 2018 e non sono state registrate altre dichiarazioni dell’attore. Justin Chambers non ha commentato nemmeno la messa in onda dell’episodio 16×16 in cui Alex Karev lascia definitivamente Seattle con delle lettere spedite a Meredith, Jo, Miranda e Richard, a cui a prestato solo la voce senza mostrarsi in video. Un silenzio accompagnato da quello del resto del cast: a parte un primo tweet della protagonista Ellen Pompeo sul dispiacere per la dipartita del collega, quasi nessuno ha più parlato di lui, ad eccezione della showrunner Krista Vernoff, che si è limitata a parlare dell’episodio in cui si è deciso di ricongiungere Alex e Izzie per concludere la storia del personaggio.

Cosa lo attenda nella sua carriera di attore resta al momento un’incognita. Anche il profilo IMDb di Justin Chambers è fermo alla sua partecipazione a Grey’s Anatomy e non prevede altre serie o film tv per il 2020, ma è presumibile che l’attore voglia prendersi una pausa per stare con la famiglia. O che decida perfino di lavorare dietro le quinte, visto che ha dichiarato di voler produrre documentari, magari restando in panchina per un po’ aspettando che arrivi un ruolo nuovo. D’altronde è successo anche a Patrick Dempsey e Sandra Oh, che hanno atteso per un po’ di tempo le giuste occasioni (La verità sul Caso Harry Quebert per lui, Killing Eve per lei) per tornare alla ribalta in tv dopo la lunga militanza in Grey’s Anatomy.

Il 2020 potrebbe essere un anno di stallo per la carriera di Justin Chambers e d’altronde la pandemia sta frenando un po’ tutti. Ma chissà che l’attore non avesse in serbo qualcosa già prima di lasciare Grey’s Anatomy e magari non abbia fatto in tempo ad annunciarlo prima che il Coronavirus bloccasse il settore. O se abbia semplicemente dovuto dedicarsi alla propria salute mentale cogliendo l’occasione per dare una netta sterzata alla sua vita professionale.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.