Via libera al bonus baby sitter, partono le nuove domande, raddoppiata la somma

Con il Decreto Rilancio torna il bonus baby sitter, con una nuova tranche che è raddoppiata per chi non ne ha fruito precedentemente

1
CONDIVISIONI

Uno dei punti fondamentali del Decreto Cura Italia degli scorsi mesi è stato senza dubbio il bonus baby sitter. Ai 600 euro garantiti nella prima fase, se ne aggiungono altri 600, stanziati in occasione del Decreto Rilancio. E tante sono state le domande presentate dagli italiani nella prima fase, che sono state replicate replicate anche in questo frangente proprio durante la settimana scorsa.

Una replica che però non ha dato esito positivo in prima istanza. Problematiche che però parrebbero in via di risoluzione, visto l’aggiornamento della piattaforma Inps di riferimento.

Raddoppia il bonus baby sitter, i dettagli

Un ritorno, quello del bonus baby sitter, che permetterà a numerose famiglie italiane di tirare un sospiro di sollievo. La nuova tranche da 600 euro (che raddoppia a 1.200 per chi non ne ha fruito nella prima occasione) permetterà infatti a numerosi lavoratori di poter attingere a servizi come quello di baby sitting, ma non solo. L’assegno erogato dall’Istituto Nazionale Previdenza Sociale prevede infatti la possibilità di impiego dei fondi stanziati anche per “servizi integrativi per l’infanzia”.

Ma a chi è rivolto in bonus baby sitter in questione? Sostanzialmente a tutte le famiglie (anche affidatarie) con figli minori di dodici anni. Limite di età che cade in caso di disabilità. Si potrà inoltre accedere al bonus soltanto se all’interno dello stesso nucleo familiare non c’è un altro genitore che beneficia di strumenti di sostegno al reddito in caso di sospensione o cessazione dell’attività lavorativa (come i vari Naspi, Cigo, indennità di mobilità, ecc.) o anche se non c’è un altro genitore disoccupato o non lavoratore che faccia scattare il divieto di cumulo del beneficio.

In caso che il bonus sia necessario per i centri estivi, occorre un documento che attesti l’effettiva iscrizione al campus di riferimento.

Accedere è semplicissimo: occorrerà infatti entrato sul sito dell’Inps e cliccare su MyInps. Si accede quindi in questo modo alla scermata personale inserendo le credenziali richieste. Basterà quindi cliccare sull’icona per il bonus baby sitter, e sarà in questo frangente che si avrà la possibilità di scegliere se usufruire dei succitati servizi integrativi per l’infanzia.

Il termine ultimo per la richiesta è fissato al prossimo 31 luglio 2020.

Segui gli aggiornamenti della sezione Trending News sui nostri gruppi:

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.