La bufala dell’elefante che aiuta il cucciolo di leone e la leonessa ritorna dal passato

Foto non reale ma creata ad arte e già nota due anni fa, nel 2018

11
CONDIVISIONI

Di nuovo alla ribalta la bufala dell’elefante che aiuta il cucciolo di leone, trasportato con l’aiuto della proboscide. Tutto al cospetto della mamma fiera leonessa. La foto in apertura articolo è quella che in molti stanno visualizzando sulle loro bacheche Facebook nelle ultime ore. Per quanto il gesto di solidarietà nel mondo animale sarebbe bello da credere, quanto visionato non corrisponde al vero e la scena in se ha avuto già la sua grande popolarità (a torto).

L’immagine in questione va esaminata nel suo complesso: l’elefante terrebbe avvolto nella sua proboscide un cucciolo di leone davvero stremato per condurlo verso una pozza d’acqua (come recita la didascalia della foto molto condivisa sui social). L’evento straordinario avverrebbe comunque sotto lo sguardo vigile di mamma leonessa, in una più che strana carovana.

La bufala dell’elefante che aiuta il cucciolo di leone al cospetto della sua mamma sarebbe tale per un semplice motivo: la foto in questione è semplicemente creata ad arte con Photoshop. Tra l’altro la catena virale no è neanche nuova di zecca ma risale al 2018. All’epoca il sito BusinessInsider per primo aveva messo in risalto proprio l’artificioso e grossolano ritocco presente nell’immagine. Anche occhi meno esperti potrebbero in realtà notare come il leoncino “sieda” nella proboscide dell’elefante in maniera innaturale. Trasportare il cucciolo in quella posizione sarebbe alquanto impossibile, sebbene le sue ridotte dimensioni.

In natura non è stata filmato alcun atto di solidarietà così estrema tra due specie così diverse, l’una predatrice dell’altra, almeno fino a questo momento e a queste condizioni. A distanza di due anni, l’immagine rischia di diventare di nuovo altamente virale ingannando tanti utenti. Una fake news di certo non grave perché non lesiva di particolari interessi ma comunque senza senso. Vedremo quanto si diffonderà nelle prossime ore in termini di condivisioni e interazioni social.

Segui gli aggiornamenti della sezione Trending News sui nostri gruppi:

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.