Irama vince Amici Speciali davanti a Michele Bravi e conquista il pubblico col monologo su George Floyd

Lo spin-off del talent di Canale5 si è concluso con la vittoria di Irama che emoziona col monologo per George Floyd

3
CONDIVISIONI

Irama vince Amici Speciali. La battaglia all’ultimo brano è stata vinta da Filippo Maria Fanti, che ha arricchito la sua finale con un monologo dedicato a George Floyd, morto a seguito del brutale intervento della Polizia di Minneapolis qualche giorno fa.

Speciale il programma e speciale è stata anche la finale a quattro, che non ha contato sulla presenza dei The Kolors, finalisti rinunciatari alla vigilia della messa in onda. Al loro posto, si è esibito il ballerino Umberto Gaudino, da sempre particolarmente apprezzato dal pubblico per il suo talento straordinario.

Non una finale, ma una grande vittoria nella vita, per i The Kolors di Stash Fiordispino. L’istrionico frontman del gruppo sarà presto papà, come annunciato da Maria De Filippi nel corso della finale. La fortunata mamma è Giulia Belmonte, fidanzata di Stash, che nei prossimi mesi darà alla luce il loro primogenito.

Quattro sono stati i grandi protagonisti della finale di Amici Speciali, messo in piedi con l’idea di una raccolta fondi da destinare alla Protezione Civile e con una coppa messa in palio che è stata più un traguardo morale che professionale.

Irama è il vincitore della leg benefica del programma (qui il video della proclamazione) e trionfa con un monologo dedicato a Floyd, per il quale ottiene la standing ovation dei presenti in studio. I Can’t Breathe è l’ultima esibizione di Filippo Maria Fanti (qui il video del monologo) a sostegno della Protezione Civile, con il singolo Mediterranea che si è già piazzato in vetta alle classifiche di vendita:

“Non riesco a respirare, non me ne sono mai accorto …Chi ca**o decide chi deve respirare e chi non deve, ma lo sai che non basta respirare per essere uomini … io non sono come te, io non sono un vigliacco… io non gli schiaccio la testa sull’asfalto come lo chiamate, come un negro, mentre sua madre sta piangendo cercandolo a perdifiato, e lui ruba il suo ultimo respiro per dire mamma … Io non sono negro come lui, ma respiro come luI, adesso io piango con lui. Adesso io sono lui. Adesso… non uccidermi”

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.