Il coming out di Jim Parsons di The Big Bang Theory velato da ansie e paure: “La mia sessualità non c’entra nulla”

Jim Parsons a cuore aperto sul suo coming out e perché aveva paura di farlo mentre era all'apice del successo con The Big Bang Theory

6
CONDIVISIONI

Per dodici anni, Jim Parsons ha interpretato il geniale ed eccentrico scienziato Sheldon Cooper in The Big Bang Theory. Il ruolo lo ha reso famoso, dandogli numerosi riconoscimenti, tra cui quattro Emmy Awards e un Golden Globe per il miglior attore in una serie commedia o musicale nel 2011.

Di recente, l’attore, oggi 47enne, ha spiegato perché era “spaventato” dall’idea di fare coming out mentre era ancora protagonista di The Big Bang Theory.

Il mondo dello spettacolo non è perfetto e vigono spesso molti pregiudizi. Perciò molti attori all’interno della comunità LGBTQ + hanno evitato in gran parte di fare coming out per paura di perdere il lavoro o che qualsiasi annuncio pubblico sul loro orientamento sessuale avrebbe avuto un forte impatto sul progetto a cui stavano lavorando. È il caso di Jim Parsons. In un’intervista con l’Hollywood Reporter, l’attore afferma di non vergognarsi della sua sessualità, ma piuttosto all’epoca era preoccupato che tale rivelazione avrebbe avuto conseguenze sul successo di The Big Bang Theory.

Ero così spaventato, ma non di perdere il mio lavoro, né di negare la mia sessualità. Ero spaventato abbastanza che ciò l’avrebbe reso un pretesto per parlarne. Ero spaventato abbastanza da essere nervoso la prima volta che sono stato nominato all’Emmy. E avevo paura che avrebbe causato dei problemi per il nostro grande show televisivo.

Il coming out di Jim Parsons è arrivato solo nel 2012, sei anni dopo il debutto di The Big Bang Theory. In quell’occasione aveva reso pubblica anche la sua relazione col direttore artistico Todd Spiewak iniziata nel 2002. La coppia si è poi sposata il 13 maggio 2017 al Rainbow Room di New York.

L’anno precedente, l’attore era apparso nel revival dello spettacolo di Broadway, The Normal Heart, nel ruolo che poi ha ripreso nell’omonimo adattamento televisivo della HBO, diretto da Ryan Murphy. All’Hollywood Reporter, Jim ripercorre il momento in cui ha deciso di fare coming out pubblicamente:

Stavo facendo un’intervista nell’estate del 2012, dopo aver fatto The Normal Heart a Broadway. Stavo recitando Harvey a New York, e sono stato intervistato da Patrick Healy del New York Times. Non ricordo la domanda esatta, ma mi aveva chiesto qualcosa del tipo, ‘Per te aveva più significato far parte di The Normal Heart essendo una persona gay?’ e risposi di sì. Mi ricordo di essermi lasciato andare, mi sono aperto, per così dire. Ricordo di aver pensato che fosse poeticamente perfetto.

Jim Parsons ha spiegato che la notizia della sua omosessualità è svanita piuttosto rapidamente, ma solo nei mesi successivi ha davvero iniziato a prendere coscienza di quanto fosse accaduto. Per la star fu un gran sollievo e poteva sentirsi finalmente una parte attiva della comunità LGBTQ+.

Di recente, Parsons è tornato a collaborare con Ryan Murphy nella miniserie Netflix Hollywood e attualmente è voce narrante in Young Sheldon, spin-off di The Big Bang Theory.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.