Liam Payne e Niall Horan alla protesta Black Lives Matter a Londra per George Floyd

I due ex One Direction si ritrovano a Londra per una buona causa

Due manifestanti d’eccezione hanno aderito alla protesta Black Lives Matter a Londra. Il movimento, che dall’America ha raggiunto rapidamente anche l’Europa, è sfociato in diverse manifestazioni in piazza a supporto di George Floyd e del suo diritto alla vita.

A Londra i manifestanti sono scesi tra le strade della città nella giornata di ieri, mercoledì 3 giugno. Dall’America all’Europa numerose sono le celebrità – attori, cantanti e personaggi del mondo dello spettacolo – che hanno sostenuto il movimento e la città di Londra non ha fatto eccezione.

Tra i partecipanti alla manifestazione anche Liam Payne e Niall Horan alla protesta Black Lives Matter a Londra. A comunicarlo sono stati gli stessi cantanti degli One Direction attraverso post sui social che documentano la loro presenza e l’appoggio ad un movimento antirazzismo.

Black Lives Matter – le vite nere contano – parte dalla morte di George Floyd, il 25 maggio 2020. L’uomo afroamericano aveva 46 anni quando è stato ucciso da un agente di polizia filmano nei suoi atti da un passante.

Il video della morte di George Floyd ha raggiunto il web esponendo il fatto al giudizio della rete, ha fatto il giro del mondo diventando virale e indignando milioni di persone. Si chiede giustizia per la vita di George Floyd, persa a Minneapolis. Si intende punire l’odio razzista che ogni anno miete vittime.

Da qui nascono i movimenti #BlackLivesMatter, contro la violenza, contro l’odio razzista, contro l’abuso di potere da parte della polizia americana.

Non solo Liam Payne e Niall Horan, anche l’attore di Star Wars John Boyega (Finn) ha preso parte alla manifestazione di Londra e ha recitato un toccante discorso contro l’odio razziale. Anche i personaggi pubblici scendono in campo attivamente per messaggi di sensibilizzazione.

Segui gli aggiornamenti della sezione Trending News sui nostri gruppi:

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.