David Schwimmer di Friends ritrova l’ex moglie nella protesta per Black Lives Matter: “Non siamo una coppia ma…”

David Schwimmer di Friends e l'ex moglie Zoe Buckmane in corteo a New York: ecco perché l'ex coppia ha deciso di protestare insieme dopo il caso Floyd

4
CONDIVISIONI

Hanno sfilato insieme, fianco a fianco, a New York City in una delle tante proteste di piazza che stanno avendo luogo nella Grande Mela e in altre città degli Stati Uniti e in tutto il mondo in seguito alla morte di George Floyd durante un fermo di polizia a Minneapolis: David Schwimmer e la sua ex moglie, nonostante non siano più una coppia, hanno voluto manifestare abbracciati il loro dissenso contro le discriminazioni razziali.

Con una bella foto che li ritrae in mezzo alla gente, l’attore di Friends ha voluto spiegare perché ha scelto di protestare al fianco del movimento per i diritti delle minoranze afroamericane Black Lives Matter insieme all’ex moglie e madre di sua figlia Zoe Buckman.

Il Ross di Friends ha chiesto al suo pubblico di solidarizzare con la protesta, di sostenere la comunità afroamericana nella richiesta di provvedimenti seri e definitivi per abbattere il razzismo sistemico delle autorità nei confronti dei neri, di essere parte attiva di un cambiamento per costruire società più giuste per le prossime generazioni.

Nel suo appello spiega di essere sceso in piazza con la Buckman (dalla quale ha divorziato dopo sette anni di matrimonio nel 2017) perché in quanto genitori di una bambina di nove anni sentono la responsabilità di costruire un “futuro migliore per i nostri figli“, per i figli di tutti, a prescindere dall’etnia. Schwimmer rivolge anche una critica al presidente Trump, che ha minacciato l’uso dell’esercito contro la popolazione per poi fare marcia indietro: l’attore è turbato dalla “scioccante indifferenza del nostro Presidente” nei confronti di un tema così cruciale per i diritti umani.

Eccolo tra la folla a New York per sostenere le istanze del movimento Black Lives Matter, con una serie di nobili motivazioni spiegate nel suo post: Schwimmer ricorda che in questo momento non basta non essere razzisti, ma bisogna essere attivamente antirazzisti.

Ieri alla Protesta & Veglia, nel centro di New York. Non siamo più una coppia, ma Zoe Buckmane e io siamo genitori di una bambina di nove anni e compagni nella lotta per la giustizia sociale e le riforme. Abbiamo marciato in onore delle innumerevoli vite nere perse a causa della violenza razziale; per contrastare il razzismo istituzionale e il pregiudizio sistemico contro le comunità emarginate; per mostrare il nostro amore e solidarietà con i nostri familiari, colleghi e amici di colore; perché siamo arrabbiati e sconvolti dalla scioccante indifferenza del nostro Presidente; e per chiedere un futuro migliore per i nostri figli. TUTTI i nostri figli. Non è sufficiente opporsi al razzismo. Dobbiamo essere attivamente contrari ad esso.

Come Schwimmer, anche Ellen Pompeo, star di Grey’s Anatomy, è scesa in strada per unirsi alla protesta nella sua città, Los Angeles, e ha filmato il corteo protestando contro la massiccia presenza della polizia armata. E molti altri volti di Hollywood si sono schierati senza riserve accanto ai manifestanti in queste giornate di protesta incessante.

Offerta
Friends - La Serie Completa (Esclusiva Amazon) (49 DVD)
  • Jennifer Aniston, Courteney Cox, Lisa Kudrow (Actors)

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.