Prendono il volo i Samsung Galaxy S20, Z Flip e Note 8: patch di giugno

Non conosce tentennamenti il colosso di Seul da un po’ di tempo a questa parte, tanto da avviare in tempi record il rilascio dell’aggiornamento con la patch di sicurezza di giugno per i Samsung Galaxy S20, S20 Plus, S20 Ultra 5G, Galaxy Z Flip (il dispositivo con design a conchiglia che tanto di sé ha fatto parlare al momento del lancio), e Note 8 (oltre che per il Galaxy S10, che pure questa mattina ha iniziato a ricevere l’ultimo aggiornamento di sicurezza, come vi abbiamo raccontato in questo articolo).

Per quanto riguarda i Samsung Galaxy S20, S20 Plus, S20 Ultra 5G, la distribuzione era stata avviata giorni fa per le versioni americano, seguite poi anche dai modelli equipaggiati con processori Exynos (sia in versione 4G che 5G), nell’ambito del firmware G98xFXXS2ATE7 (in roll-out anche in Italia, come avrete notato anche voi dalle notifiche OTA). Si tratta di un pacchetto che non aggiunge nulla dal punto di vista delle funzionalità, ma integra solo il sistema operativo con le più recenti patch rilasciate da Google e poi puntellate da Samsung. Lo stesso discorso può essere fatto per il Galaxy Z Flip, per cui il riferimento va al firmware F700FTBS1ATE3, dal peso di circa 200MB.

Infine, un accenno al Samsung Galaxy Note 8, che, nonostante l’età (si avvia per il compimento di tre anni, che non sono affatto pochi per uno smartphone), continua a stupire, questa volta col rilascio della patch di sicurezza di giugno. Il pacchetto N950FXXSBDTED è sempre basato su Android 9 Pie, con 25 correzioni del sistema operativo Android e 29 dell’interfaccia proprietaria del produttore asiatico. Voi avete già ricevuto l’aggiornamento di giugno sui vostri Samsung Galaxy S20, S20 Plus, S20 Ultra 5G, Galaxy Z Flip e Note 8? Fatecelo sapere lasciando un commento all’articolo attraverso il box qui sotto.

Segui gli aggiornamenti della sezione Samsung Galaxy S9 sui nostri gruppi:

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.