Lea Michele razzista? Dopo le accuse ricevute in rete gli sponsor si danno alla fuga e lei chiede scusa

Le accuse hanno travolto la protagonista di Glee Lea Michele che oggi risponde e si scusa a metà

17
CONDIVISIONI

Lea Michele razzista? È bastato il suo tweet a sostegno di Black Lives Matter di venerdì a mandare tutto in frantumi. Proprio nel periodo più bello della sua vita ovvero la sua prima gravidanza, l’attrice di Glee rischia di essere travolta dalle accuse e dai rumors sul suo essere poco incline all’uguaglianza soprattutto da quando una delle attrici di Glee, Samantha Marie Ware, ha puntato il dito contro di lei accusandola di aver reso la sua permanenza nella serie un “inferno vivente”.

L’attrice non è andata oltre e dopo aver raccontato di quando Lea Michele le avrebbe detto di “voler ca*are nella sua parrucca” non ha rivelato altro. A complicare le cose sono arrivate una serie di risposte a questo tweet in cui, tra gif e meme, gli altri protagonisti della serie di Ryan Murphy si sono pronunciati.

Da Dabier, che ha recitato in un episodio di Glee nel 2014, pronto a mandare Lea Michele all’altro Paese, ad Alex Newell e Amber Riley che hanno lasciato che ci sia altro da raccontare ma senza rivelare cosa, in molti hanno preso d’assalto i social in queste ore facendo finire la protagonista di Glee in tendenza. Sono tanti i fan della serie che hanno preso di mira l’attrice ricordando anche le accuse che all’epoca le rivolse Naya Rivera, Santana nello show.

In molti ricordano quando fu lei ad essere presa di mira proprio per via delle accuse  a Lea Michele rea di essere un po’ troppo competitiva e di creare un vero e proprio clima di terrore sul set soprattutto quando si sentiva minacciata. Nella sua autobiografia intitolata “Sorry not sorry: Dreams, Mistakes & Growing Up”, Naya Rivera cercò di raccontare di questi suoi scontri con la Michele scrivendo:

“Mentre lo show proseguiva l’amicizia che c’era tra me e Lea ha iniziato a incrinarsi, specialmente quando Santana è cambiata ed è diventata un personaggio principale. Penso che Rachel – ehm, volevo dire, Lea – non volesse condividere la luce della ribalta. Ha sempre fatto fatica a separare il lavoro dall’amicizia, cosa che invece per me è sempre stata semplice….Se mi lamentavo di qualcosa o qualcuno, pensava subito che ce l’avessi con lei. Ad un certo punto ha iniziato ad ignorarmi. Siamo arrivate a non parlarci per tutta la sesta stagione”.

Alla base di tutto questo c’era davvero il bullismo e il razzismo di cui Lea Michele è stata accusata in queste ore? Al momento lei continua a tacere ma gli sponsor hanno iniziato ad abbandonare la nave che affonda e, in particolare, HelloFresh ha annunciato di aver concluso la sua collaborazione con l’attrice con effetto immediato:

“HelloFresh non perdona il razzismo né la discriminazione di alcun tipo. Siamo scoraggiati e delusi dall’apprendere delle recenti affermazioni riguardanti Lea Michele. Lo prendiamo molto sul serio e abbiamo concluso la nostra collaborazione con lei, con effetto immediato”.

https://twitter.com/HelloFresh/status/1267911533792825347?ref_src=twsrc%5Etfw%7Ctwcamp%5Etweetembed%7Ctwterm%5E1267911533792825347&ref_url=https%3A%2F%2Few.com%2Ftv%2Fsamantha-ware-leah-michele-made-time-glee-hell%2F
Dopo quello che è successo Lea Michele si è scusata pur ammettendo di non ricordare alcune frasi e alcune cose, almeno non quelle di cui l’hanno accusata in queste ore. In particolare, scrive:
 

“Quando ho twittato l’altro giorno, doveva essere uno spettacolo di supporto per i nostri amici, i vicini e le comunità di colore in questo momento davvero difficile, ma i commenti che ho ricevuto mi hanno fatto concentrare anche su come il mio il comportamento nei confronti degli altri membri del cast è stato percepito da loro. Anche se non ricordo di aver mai fatto detto certe cose e non ho mai giudicato gli altri in base al loro background o colore della loro pelle, non è questo il punto, l’importante è che ho agito chiaramente in un modo che ha fatto soffrire altre persone”.

Ecco il suo post integrale:

 

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Lea Michele (@leamichele) in data:

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.