Le lacrime di Michele Bravi da Maria De Filippi: “Sei stata la prima persona che mi ha chiesto di cantare quando tutti mi chiedevano come stavo”

"La prima volta che senti un silenzio che si rompe o è un rumore o una melodia. Questa volta è stata una melodia, grazie a te": le parole di Michele Bravi a Maria De Filippi durante la semifinale di Amici Speciali

Michele Bravi da Maria De Filippi si commuove. L’artista è tra i 12 concorrenti scelti per Amici Speciali e ha avuto accesso alla finale in programma venerdì 5 giugno, in diretta su Canale 5.

“Ci siamo incontrati per caso a gennaio”, racconta Maria De Filippi che ricorda di aver ricevuto un messaggio whatsapp da Michele Bravi. Lui è tra i due soli concorrenti di Amici Speciali (insieme a Random) che non hanno partecipato ad Amici nelle scorse edizioni.

Ho capito che il dolore non ha senso però quando due dolori si incontrano e si confrontano la potenza che quella cosa può far nascere è infinita ed è l’unico modo pere ritornare qui, adesso. Esiste un modo per ritornare alla realtà, esiste. Era la musica la soluzione a quel silenzio”, sono le parole che Michele Bravi pronuncia in un video riassuntivo del suo percorso, trasmesso durante la semifinale di Amici Speciali.

Quando vivi un trauma succedono tante cose dentro di te. Una delle sfide più grandi proprio abituarsi al silenzio, quello intorno, quello che mi avvolgeva completamente. Non riuscivo a sentire gli altri e abituarsi all’assenza di suono per me che ho sempre lavorato con il suono è stato molto difficile. Ho avuto la fortuna di non essere mai stato solo”, continua Bravi nel raccontare il suo momento di buio. Un periodo interminabile, di dolore, al termine del quale è riuscito a vedere la luce grazie alla mano che gli ha teso Maria De Filippi, riportandolo in televisione, nei suoi programmi.

Michele Bravi è stato ospite del Daytime di Amici prima di essere scelto come concorrente ad Amici Speciali. A tal proposito, Maria ricorda: “La prima volta, nel Daytime di Amici, hai detto: “Non so se reggo tutto il tempo”, invece lo hai retto e poi sei venuto qua. Mi sembra che tu questo mostro del silenzio lo hai affrontato”.

Mi hai scritto un messaggio, un whatsapp, lungo, educatissimo, come sei anche nello scrivere. Un whatsapp in punta di piedi, non invadente. Della serie: “Se mi tendi la mano sono contento”. Ci siamo incontrati, abbiamo parlato di questo silenzio, del non riuscire con facilità a stare sul palco, la paura delle telecamere, la paura di confrontarsi ancora con un pubblico, la paura di cantare canzoni e magari sentirsi dire cose che non si vogliono sentire più”, continua Maria De Filippi nello spiegare al pubblico il primo contatto che ha avuto con Michele Bravi e cosa lo ha poi portato nella sua trasmissione.

Michele Bravi, particolarmente commosso e con la voce tremante, evidentemente emozionato, aggiunge qualche parola: “Non amo molto parlare ed è la ragione per cui preferisco cantare però una cosa la devo dire: se penso a me l’anno scorso, questo giorno, un anno fa, c’era veramente solo il silenzio. Tu sei stata la prima persona che mi ha chiesto di cantare quando tutti gli altri insistevano a chiedermi come stavo. E io qua riesco per la prima volta a rispondere alla domanda come sto e ti devo ringraziare tantissimo e devo ringraziare anche i miei colleghi che mi hanno aiutato tanto a tornare qua sopra”.

Poi conclude: “La prima volta che senti un silenzio che si rompe o è un rumore o una melodia. Questa volta è stata una melodia, grazie a te”, ringraziando Maria De Filippi per averlo aiutato a tornare alla normalità della televisione, delle canzoni, della musica, del pubblico, sotto i riflettori, senza timori.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.