Il nuovo album di Max Pezzali è rinviato come i concerti a San Siro

Il nuovo album avrebbe dovuto arrivare ad aprile ma l'emergenza sanitaria ha fatto slittare tutti i progetti di Max Pezzali

Il nuovo album di Max Pezzali è stato rimandato. Il disco doveva arriva nel mese di aprile, ma l’emergenza Coronavirus ha fatto slittare la pubblicazione a data da destinarsi, così come i concerti che avrebbe dovuto tenere a San Siro a luglio. Tutti gli spettacoli dal vivo sono rimandati al 2021.

La notizia del rinvio è arrivata direttamente dalle pagine ufficiali di Max Pezzali, ma le date sono ancora da decidere. I biglietti rimarranno validi per le nuove date, mentre coloro che non potranno partecipare potranno richiedere un rimborso che sarà emesso tramite voucher.

I concerti a San Siro costituivano un vero e proprio debutto di Max Pezzali in una grande arena. I fan, che attendevano un evento di questo tipo da anni, hanno reagito con entusiasmo alla notizia, polverizzando i biglietti per i concerti che avrebbe dovuto tenere tra Bibione e lo Stadio San Siro di Milano.

In questi giorni, sarà possibile assistere a un live di Max Pezzali sui canali ufficiali YouTube di Warner Music Italia. Lo show dell’artista pavese sarà trasmesso il 23 giugno. Si tratta del meglio del tour che Max Pezzali ha tenuto nel 2008 tra Milano, Genova, Roma e Treviso.

Nel 2019, Max Pezzali era tornato in radio con due singoli, dopo la conclusione del progetto con Francesco Renga e Nek. Il primo singolo, Welcome To Miami (South Beach), è stato destinato alla rotazione radiofonica estiva mentre In Questa Città è la ballad che ha dedicato a Roma. Sembro Matto doveva essere il singolo apripista del nuovo album, che non ha ancora una data d’uscita.

I lavori per il nuovo album sono quindi fermi e non si sa quanto potranno riprendere. In una recente intervista rilasciata a Sorrisi E Canzoni Tv, Max Pezzali ha anche dichiarato – scherzosamente – di avere il tempo per incidere qualche altra canzone del nuovo album.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.