Download dell’app Immuni via mail dalla FOFI? Truffa in corso

Un virus si cela dietro un raggiro in arrivo via posta, la FOFI non c'entra nulla

5
CONDIVISIONI

Oggi 1 giugno è il grande giorno dell’app Immuni, come pure raccontato in queste ore, con la disponibilità a download sia sul Play Store che sull’app Store Apple. Non saranno pochi gli italiani interessati, nonostante una prima fase di test valida solo in 4 regioni. Per questo motivo, i soliti hacker e malintenzionati del web hanno appena messo in atto una nuova truffa. Una mail che sembrerebbe inviata dalla FOFI (Federazione Ordine dei farmacisti Italiani) contiene un link truffaldino proprio allo strumento in questione e rischia di diventare una trappola per molti.

Facciamo il punto della situazione sul tentativo di raggiro in atto. Il predetto link per il download dell’app Immuni altro non sarebbe se non il collegamento per l’installazione di un virus dal nome alquanto eloquente ossia FuckUnicorn. Più precisamente si tratta di un ransomware, ossia di una minaccia che prende “in ostaggio” il dispositivo dove si trova e per la “liberazione” chiede un riscatto. In poche parole dunque, il pericolo è reale e concreto e non va sottovalutato.

Come evitare di cadere nella nuova trappola che sfrutta la popolarità dell’app Immuni delle prossime ore e giorni? L’unica regola da seguire è questa: non esiste alcun download dello strumento di tracciamento via mail. Il tool sarà disponibile solo sul Play Store per dispositivi Android e sull’App Store Apple per iPhone. Tutti gli altri canali non saranno ufficiali, quindi non andranno neanche presi in considerazione.

Naturalmente la mail truffaldina con annesso il virus non è stata affatto inviata dalla FOFI e sebbene il link di atterraggio della missiva assomigli a quello della Federazione, siamo al cospetto solo di un escamotage ben organizzato, con l’intento di dare autorevolezza alla comunicazione. Smascherata questa prima truffa, è prevedibile che nei prossimi giorni ce ne saranno anche altre., quindi bisognerà stare parecchio in guardia per non correre rischi.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.