Arriva una penna USB che ci protegge dal 5G: quasi 400 euro per nulla

Focus su un prodotto destinato a creare notevoli discussioni nel corso delle prossime settimane

5G

Sta arrivando sul mercato un nuovo prodotto che, apparentemente, ci difende dagli effetti del 5G. Premesso che le evidenze scientifiche fino a questo momento abbiano sempre smentito una prospettiva di questo tipo, considerando il fatto che le rilevazioni effettuate ci hanno sempre tenuti al di sotto delle soglie consentite, c’è da analizzare una nuova proposta del mercato. Una di quelle idee che non tengono conto degli studi che sono stati condotti fino a questo momento.

A cosa serve il prodotto anti 5G: riscontri su 5GBioShield

Per chi non lo sapesse, il prodotto che in teoria ci protegge dal 5G si chiama 5GBioShield. Si tratta di un dispositivo che a detta del produttore sarebbe il risultato della tecnologia più avanzata attualmente disponibile per il bilanciamento e la prevenzione degli effetti di questa nuova tecnologia. In termini promozionali, i suddetti effetti vengono definiti addirittura “devastanti“. Sono causati da onde elettriche non naturali, con un particolare riferimento al 5G, con potenziali conseguenze per tutte le forme di vita biologiche.

Riportando il giudizio sul prodotto del team Pen Test Partners, però, emerge un’altra verità su questa proposta. La vicenda ha incuriosito coloro che seguono le vicissitudini del 5G, e così anche loro hanno deciso di portare a termine un vero e proprio teardown di questo device. Stando alle informazioni raccolte oggi 29, pare ci si ritrovi al cospetto di un semplice pennino USB da 128 MB. Con un dettaglio non di poco conto: il prezzo di listino è appena inferiore ai 400 euro.

Staremo a vedere quale sarà l’impatto di questo prodotto anti 5G in Italia, in attesa di conoscere il prezzo con il quale verrà proposto al pubblico. E voi che ne pensate? Avete avuto modo di testarlo all’estero? Nel caso, diteci che ne pensate con un commento a fine articolo.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.