Scadenza massima per domanda bonus 600 euro: intreccio tra marzo e aprile con INPS

Concentriamoci sulla data cruciale da rispettare per non perdere il doppio bonus, secondo le informazioni ottenute finora

2
CONDIVISIONI

Si torna a parlare di bonus 600 euro con INPS, visto che il focus di questi giorni è rivolto soprattutto a coloro che si apprestano a ricevere la quota di aprile. Insomma, questione tutta da analizzare per quanto riguarda il secondo saldo, con argomento da noi affrontato alcuni giorni fa con un approfondimento. In un contesto nel quale si dice tutto e il contrario di tutto sui social, è fondamentale fare un po’ di chiarezza su determinati punti.

Requisiti per il bonus 600 euro di aprile

Fondamentalmente, abbiamo un solo requisito da rispettare per ottenere il pagamento in questione, come è stato ribadito da diversi addetti ai lavori negli ultimi giorni. Solo i beneficiari del bonus 600 euro di marzo potranno ottenere la seconda quota di aprile da INPS. Per coloro che hanno già inviato la domanda, non saranno necessarie ulteriori operazioni, a patto ovviamente che la prima richiesta sia andata a buon fine.

Il paletto cruciale da prendere in esame oggi 28 maggio, invece, si riferisce a coloro che ancora non hanno presentato la prima domanda. Quella che, per intenderci, occorreva ed occorre per ottenere il bonus 600 euro di marzo. Il recente dl Rilancio preved, infatti, che per non perdere il diritto a riceverlo, sia necessario presentare domanda entro e non oltre il 3 giugno. La scadenza è “fissa” ed è legata al fatto che mercoledì prossimo saranno trascorsi esattamente quindici giorni dall’entrata in vigore del dl Rilancio, lo scorso 19 maggio.

Per farvela breve, chi non dovesse presentare domanda entro la suddetta data avrà un doppio danno. In un solo colpo, perderà non solo il bonus 600 euro di marzo, ma anche quello di aprile. Concetti, questi, per alcuni assodati ma evidentemente non chiari a tutti. Fate dunque molta attenzione ad alcuni appuntamenti in calendario.

Segui gli aggiornamenti della sezione Trending News sui nostri gruppi:

Commenti (2):
Dindon

Penso che già lo sappiano … ed infatti anno iniziato a dare scorte a go go a ministri e politici.
X quanto riguarda i sussidi (carità) come al solito , chi ha preso a preso e chi ha dato a dato ….. io purtroppo rientro tra quelli che ha solo dato.
Comunwue a inizio giugno altro giro altra corsa … show must go on

Pino

Sì continua ha leggere di scadenze riesami di nuove domande di nuovi decreti di nuovi soldi in arrivo di nuove procedure da seguire di promesse di ministri impegni da parte di associazioni sindacati e chi più ne ha più ne metta .MA LA REALTÀ AD OGGI È CHE MIGLIAIA DI LAVORATORI STAGIONALI E NON È ALTRE CATEGORIE NELLA DISPERAZIONE TOTALE ASPETTANO CON DIGNITÀ UN AIUTO DA QUELLO CHE NOI CHIAMIAMO STATO ELETTO ANCHE DA QUESTE PERSONE AL MOMENTO INVISIBILI MA CHE GLI SONO SERVITI AL MOMENTO DEL VOTO CONTRIBUENDO HA FARGLI AVERE OGNI MESE STIPENDI D’ORO VITALIZI E TANTI PRIVILEGI .MA SE I TEMPI AVVENIRE RESTERANNO COSÌ COME SONO CARI POLITICI PREPARATEVI ANCHE VOI HA VIVERE NEL DUBBIO COME REAGIRÀ IL POPOLO IN PREDA ALLA DISPERAZIONE È AL DEGRADO SOCIALE CHE VOI AVETE PORTATO FACENDOCI RESTARE SENZA UN AIUTO .CI AVETE TUTTI SULLA COSCIENZA. MA RICORDATEVI CHE IL LEONE È PIÙ PERICOLOSO QUANDO È FERITO E TUTTI NOI LO SIAMO E CI UNIREMO IN BRANCO NON È UNA MINACCIA MA LA FORZA DELLA SOPPRAVIVENZA

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.