Al Bano insiste sull’estinzione dei dinosauri: “L’uomo li ha uccisi con attrezzi vari”

Al Bano non ci sta e rincara la dose sui dinosauri, rivelando di sapere come si sono estinti

2714
CONDIVISIONI

Al Bano insiste sull’estinzione dei dinosauri, che sostiene sia avvenuta a opera dell’uomo. Da giorni, l’artista di Cellino San Marco è balzato agli onori delle cronache per questa affermazione bizzarra, che ha scatenato l’ilarità del popolo del web.

Carrisi, però, vuole continuare ad avere l’ultima parola sulla vicenda e rincara la dose sull’estinzione dei mastodontici rettili preistorici, che sostiene siano stati abbattuti dall’uomo con singolari attrezzi, così come riportano delle immagini viste a New York, durante una visita al museo di Storia Naturale.

Racconta Al Bano:

“Vent’anni fa andai al museo di Storia Naturale di New York, dove vidi alcune immagini, come quelle dei meteoriti che 65 milioni di anni fa caddero sullo Yucatan. Ma fecero quel che fecero sullo Yucatan. In Puglia mi risulta che ci siano stati dinosauri ma di meteoriti non c’è n’è memoria. E poi mi ricordo quest’altra immagine che vidi”.

E continua:

“Il dinosauro e gli uomini di allora che con attrezzi vari lo uccidevano. Questa immagine non l’ho mai cancellata, mi sembrava paradossale ma vera. Certo non abbiamo testimonianze oculari ma se al museo di Storia Naturale di New York hanno messo un’immagine del genere. Confermo che anche l’uomo è riuscito a distruggere i dinosauri”.

Queste le dichiarazioni nel suo più recente intervento a Un Giorno Da Pecora con Giorgio Lauro e Geppi Cucciari su RaiRadio1, con le quali ha confermato di essere convinto su quanto accaduto nella preistoria. Sì, l’uomo ha sconfitto i dinosauri.

In queste ore, Al Bano ha anche parlato della complicata situazione economica che sta vivendo a causa dell’emergenza Coronavirus. “Senza entrate e con le sole uscite posso andare avanti un anno“, ha dichiarato Al Bano, che ha scelto di non riaprire il ristorante della Tenuta Carrisi perché la messa in sicurezza sarebbe costata troppo e per evitare che la sala assomigli a un ospedale.

Segui gli aggiornamenti della sezione Trending News sui nostri gruppi:

Commenti (1):
Ruggy

Quando madre natura aveva già speso troppo tempo – per fornirti di corde vocali – ed era passata al cliente successivo, dimenticando di fornirti anche i neuroni da collegare alla bocca.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.