Brian May ha avuto un infarto, lo sfogo sui social: “Avevo tre arterie ostruite”

Brian May ha avuto un infarto: aveva 3 arterie ostruite ed è stato necessario applicare gli stent

Brian May ha avuto un infarto e lo ha confessato ai suoi follower sui social. Nei primi giorni di maggio, ricordiamo, il leggendario chitarrista dei Queen era stato ricoverato in ospedale per uno strappo muscolare al gluteus maximus, un incidente avvenuto mentre stava curando il suo giardino.

Nelle ultime ore Brian May ha raccontato la verità ai suoi fan su Instagram. Ciò che in un primo momento era stato presentato come un semplice infortunio era dovuto, in realtà, a un problema ai nervi molto più complesso.

Il chitarrista racconta che nonostante la sua soglia di tolleranza al dolore molto alta e di cui si è sempre fatto vanto, i dolori alla schiena e alle gambe si erano fatti così insopportabili da portare i medici a trattarlo con una terapia del dolore e con la riabilitazione, ma non è tutto.

May scherza con il titolo Sheer Heart Attack dei Queen, ma in realtà si riferisce a quei 15 minuti di forte dolore al petto, sudore e dolore alle braccia che lo hanno seriamente spaventato. “Ho avuto un piccolo infarto”, confessa Brian May e per questo ringrazia il tempestivo intervento dei medici. La scelta era ricaduta tra bypass e stent, e alla fine sono stati scelti questi ultimi.

La sua lunga riflessione si concentra sulla sua vita sana, fatta di percorsi in bici e alimentazione controllata, e per questo consiglia ai suoi fan controlli periodici dopo aver provato tanto dolore. Di preciso Brian May ha riferito: “Un dolore che mi ha paralizzato la mente.

Ora che Brian May ha avuto un infarto fa i conti con le sue convinzioni: non è più sicuro di non voler più l’anestesia quando va dal dentista né del suo stato di salute, ma ora sta bene e per questo chiede ai fan di non inviare messaggi di solidarietà.

Segui gli aggiornamenti della sezione Trending News sui nostri gruppi:

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.