Aggiornamenti in sospeso e “questa app non è più condivisa con te”: possibili cause

Focus su un messaggio a quanto pare sempre più diffuso tra gli utenti Apple da un po' di giorni a questa parte

2
CONDIVISIONI
questa applicazione non è più condivisa con te

Si torna a parlare in queste ore del messaggio “questa app non più condivisa con te“, dopo il primo report portato alla vostra attenzione nella giornata di sabato. In particolare, a questo bug riscontrato dagli utenti Apple, soprattutto ai possessori di un iPhone che non riescono ad utilizzare WhatsApp, si accompagnano le segnalazioni di dozzine di aggiornamenti dedicati alle app in sospeso. Vengono mostrati all’interno dell’App Store, anche a proposito di molte app che sono state recentemente aggiornate dagli utenti, ma al momento non si hanno spiegazioni in merito.

Un bug parallelo al messaggio “questa app non più condivisa con te”

Gli stessi utenti ritengono che possa trattarsi di un bug sulla carta associabile a quello relativo al messaggio “questa app non più condivisa con te“. A conti fatti, si ritiene che il bug doppio abbia una sorta di correlazione, in quanto impedisce in egual misura ad alcuni utenti l’avvio di determinate app. Questo, a meno che non vengano eliminate e quindi reinstallate. Mistero reso ancora più fitto dal fatto che Apple abbia deciso di non prendere posizione sulla vicenda.

Dunque, fino a questo momento abbiamo solo ipotesi sulla natura del bug. Ad esempio, è possibile che si sia verificato un problema con un certificato scaduto o altre credenziali relative alla condivisione di app. Con una situazione del genere, è possibile che Apple abbia dovuto rilanciare questi aggiornamenti per includere un certificato valido su ciascuna delle app interessate, creando a conti fatti un ulteriore conflitto che ha portato alla situazione di oggi 25 maggio. Questa, almeno, la tesi sostenuta da MacRumors.

Insomma, non si esclude che, nel tentativo di risolvere un problema, il messaggio “questa app non più condivisa con te” sia apparso involontariamente a bordo di un numero più elevato di iPhone. Staremo a vedere se da Apple arriveranno segnali concreti nel corso delle prossime ore.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.