Rita Pavone su Bugo e Morgan a Sanremo: “Una scena ridicola”

A Sanremo Rita Pavone doveva entrare dopo Bugo e Morgan e ha visto la lite dal backstage. La cantante ha detto la sua a Caterina Balivo in collegamento con Vieni Da Me

142
CONDIVISIONI

Tuona Rita Pavone su Bugo e Morgan durante il suo intervento a Vieni Da Me, il format di Rai 1 condotto da Caterina Balivo. La voce italiana di Niente (Resilienza 74) ha parlato del duo di cantautori Bugo e Morgan che nel contesto del Festival di Sanremo si sono resi protagonisti di una disfatta che ancora oggi è vista come un momento di teatro del grottesco e come la rottura di un’amicizia.

Lo ricorda bene, Rita Pavone, quel momento in cui Bugo ha lasciato il palco dopo aver appreso che Morgan aveva cambiato il testo di Sincero trasformandolo in un attacco diretto contro il collega che oggi è ancora un tormentone: la cantante torinese era in scaletta proprio dopo i due cantautori e con ironia riflette su quel: “Che succede?” pronunciato da Morgan dopo l’uscita di scena di Bugo.

La canzone di Rita Pavone, infatti, inizia proprio con le parole: “Niente, qui non succede proprio niente. La voce di Cuore ride sul fatto che Morgan, dopo il numero che ha decretato la squalifica del brano Sincero dal Festival, sia andato nel backstage chiedendo dove fosse Bugo: “Ma come? L’hai insultato fino adesso”, riferisce a Caterina Balivo.

Per Rita Pavone quella lite è stata una scena ridicola, e infatti mentre osservava da uno schermo ciò che accadeva sul palco si era messa a ridere.

Il suo commento, in effetti, era stato immortalato dalle telecamere della Rai che la stavano riprendendo nel backstage poco prima che entrasse in scena: “Va bene, io vengo dopo uno scandalo, aveva detto la voce di Niente poco prima di esibirsi.

Un pensiero, quello di Rita Pavone su Bugo e Morgan, che dimostra che ancora oggi quanto accaduto tra i due artisti rimane nel sentimento comune e che, in un certo senso, è già riportato negli annali del Festival della Canzone Italiana.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.