Aggiungere un contatto WhatsApp con QR Code ora possibile in beta

Rilascio della funzione per i tester pubblici Android, opzione utile e veloce

1
CONDIVISIONI

A quanti di noi sarà capitato di dover aggiungere un nuovo contatto WhatsApp di una persona appena conosciuta, di un collega. di un parente e di dover procedere all’operazione manualmente dalla rubrica del telefono? O, in alternativa, sempre in modalità non certo immediata si è chiesto a qualcuno di inviarci un messaggio per poi registrare il relativo numero telefonico sullo smartphone? Da adesso in poi, invece, ci sarà una strada ben più facile e veloce per la stessa operazione che passa attraverso il QR Code.

L’aggiornamento WhatsApp per Android nella sua versione beta 2.20.171  (ora disponibile sul Play Store) per tutti i tester include proprio il nuovo QR Code che identifica il contatto di ogni utente nell’app di messaggistica. Come procedere dunque all’utilizzo della nuova funzione? Per visualizzare il prezioso codice personale, bisognerà seguire uno specifico percorso. Dalla schermata generale delle chat, andranno selezionati i tre puntini in alto a destra. Dal relativo menù bisognerà scegliere “Impostazioni”. Nella nuova scheda, come prima cosa, apparirà il proprio nome contatto e la foto. Accanto a questi due dati, ora compare proprio il simbolo del QR Code, selezionandolo se ne può fare uso.

In pratica ora, quando ci ritroveremmo con l’esigenza di aggiungere un nuovo contatto nella nostra rubrica o condividere lo stesso con un nuovo amico, non si dovrà far altro che inquadrare la schermata di arrivo su indicata per memorizzare un nuovo numero, con estrema facilità. La funzione di scansione del codice è ora presente attraverso lo stesso percorso indicato prima.

Come anticipato, l’utilissima novità è stata introdotta nella beta per sistema operativo Android. Sull’arrivo della stessa opzione sul servizio in pianta stabile non sono a disposizione delle tempistiche esatte di rilascio. Probabilmente come al solito, gli sviluppatori preferiranno procedere anche ad una fase di ulteriore test di qualche settimana prima di procedere alla sua release definitiva, magari all’inizio dell’estate.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.