Lo sfogo di Roger Waters: “David Gilmour mi ha bandito dai canali dei Pink Floyd”

Roger Waters non ha accesso ai canali della band: "David Gilmour è convinto di essere i Pink Floyd"

Avevamo ascoltato in beatitudine la versione casalinga di Mother, ma sono anche tempi duri per Roger Waters: David Gilmour lo avrebbe bandito dai canali dei Pink Floyd e né sui social né sul sito ufficiale della band di Money l’ex bassista può promuovere i suoi progetti solisti e le sue iniziative.

Lo sfogo arriva su un video pubblicato sul canale YouTube di Roger Waters e serve a rispondere alle tante domande rivolte dai fan. Il pubblico, infatti, si è chiesto a più riprese perché la versione home made di Mother che abbiamo ascoltato e visionato qualche giorno fa non comparisse sui canali ufficiali dei Pink Floyd.

Roger Waters ha risposto: “La risposta è che sul sito non c’è niente di mio: David Gilmour mi ha bandito dai canali dei Pink Floyd”. Continuando, Waters spiega che Gilmour sarebbe convinto di essere in possesso di ogni cosa che interessi i Pink Floyd, o meglio di essere i Pink Floyd.

Sulla diatriba tra Roger Waters e David Gilmour si è espresso Nick Mason, già batterista della band, che ha riferito di non essere affatto sorpreso dell’attrito tra i due: le due differenti personalita, spiega Mason, sono sempre state il motivo del successo dei Pink Floyd e soprattutto hanno fatto da motore alla pubblicazione dei tanti album. In poche parole, secondo Nick Mason senza le frizioni tra i due elementi la carriera della band sarebbe stata più blanda e totalmente diversa.

Sempre secondo Roger Waters, David Gilmour avrebbe sempre rifiutato di fornire a tutti gli ex membri della band un accesso alle piattaforme web dei Pink Floyd, e nonostante le insistenze dell’ex bassista questo non è mai avvenuto.

Dopo lo sfog di Roger Waters, David Gilmour non ha ancora risposto né ha pubblicato una nota per fare chiarezza sulla vicenda sollevata dall’ex bassista.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.