Come ottenere il rimborso dei biglietti in denaro, non voucher: ci pensa il Codacons

Le richieste dei fan sono lecite: vogliono il rimborso dei biglietti, non voucher da spendere per altri concerti

1
CONDIVISIONI

I fan in possesso di biglietti acquistati per concerti annullati hanno diritto al rimborso integrale del titolo acquistato, non ad un voucher da spendere per altri eventi.

Ma quanto e quando sarà possibile far valere i diritti degli acquirenti? Forse molto presto. Il Codacons, infatti, sta valutando un’azione collettiva per sostenere i fan in possesso di biglietti che non potranno utilizzare in quanto i concerti sono stati annullati a causa della pandemia da Coronavirus.

Numerose le polemiche in seguito al mancato rimborso dei biglietti già acquistati, in modo particolare per i grandi i eventi internazionali come quello di Paul McCartney atteso a Napoli. Non è il solo evento che sta facendo discutere, insieme alla serie di Festival in programma da Roma a Milano passando per Firenze.

Le obiezioni dei fan sono più che giuste e si leggono ovunque sui social: vogliono il rimborso dei biglietti, non un voucher da utilizzare per chissà quale evento al quale non sono interessati.

Il voucher infatti consente di ottenere un rimborso virtuale la cui cifra è da utilizzare esclusivamente per l’acquisto di nuovi biglietti entro 18 mesi, pena la scadenza. E cosa succede se l’artista in questione non ritorna in Italia oppure se il fan non è interessato a partecipare ad altri concerti? Si trova costretto ad utilizzare ugualmente il suo credito per l’acquisto di altri biglietti, pena la perdita in termini di denaro.

Il Codacons interviene a proposito dei concerti annullati a Firenze e a Firenze Today dichiara:

“Stiamo ricevendo numerosissime richieste di aiuto da parte di cittadini che si sono visti annullare eventi e spettacoli organizzati per le prossime settimane. Con un colpo di spugna sono stati cancellati i diritti dei consumatori, prevedendo l’assurdo meccanismo del voucher come forma di rimborso. Ma è di tutta evidenza che se un evento viene annullato e non sarà più organizzato, il consumatore ha diritto in base al codice civile alla restituzione dei soldi versati, e non certo ad un voucher. Il Codacons sta valutando la possibilità di una azione collettiva contro gli organizzatori degli eventi annullati che non riconoscono, a chi non vuole o non può utilizzare il voucher, il rimborso in denaro“. 

Se in possesso di biglietti per concerti annullati, il Codacons raccoglie testimonianze via mail a info@codacons.it; per assistenza è possibile contattare anche il numero 89349966.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.