Quanto manca alla fine della scuola? Regioni in cui il ponte del 2 giugno è previsto

Calendario per la chiusura distinto regione per regione da nord a sud della penisola

1
CONDIVISIONI

Più di qualche studente ma anche genitore si starà chiedendo quanto manca alla fine della scuola. Soprattutto le mamme e i papà dei più piccoli sono più che interessati a sapere quando anche il loro impegno per la buona riuscita della didattica a distanza finirà. Per la conclusione di questo particolare anno scolastico 2019/2020, il calendario delle date di fine ciclo resta quello stabilito mesi fa, naturalmente diversificato per regioni.

I primi studenti a chiudere definitivamente i libri saranno quelli delle regioni Campania, Emilia Romagna, Marche, Molise, Sardegna, Sicilia, Veneto il prossimo 6 giugno. Successivamente toccherà all’Abruzzo, al Lazio e alla Lombardia chiudere i battenti il giorno 8 giugno. Solo in Calabria e Umbria le lezioni termineranno il prossimo 9 giugno.

Quanto manca alla fine della scuola in altre regioni? Il 10 giugno toccherò a Basilicata, Friuli venezia Giulia, Liguria, Puglia, Piemonte e Toscana. In Val d’Aosta i docenti non faranno più lezione dal 12 giugno e per finire Trentino con Trento e Alto Adige con Bolzano chiuderanno definitivamente il ciclo scolastico il prossimo 16 giugno.

Prima della chiusura della scuola, va considerata tuttavia l’osservanza del ponte del 2 giugno (dunque con assenza di lezioni anche lunedì 1 giugno) almeno per alcune regioni d’Italia. Chi si prenderà una breve pausa dallo studio, solo pochi giorni prima della chiusura dell’anno scolastico, saranno gli studenti della Basilicata, della Calabria, della Campania, del Friuli Venezia Giulia, della Liguria, della Puglia, del Piemonte, del Trentino, dell’Umbria, della Val d’Aosta e del Veneto. Negli istituti dislocati queste parti d’Italia le lezioni saranno sospese da venerdì 29 o sabato 30 maggio fino al successivo 3 giugno.

Oltre alla questione di quanto manca alla fine della scuola, sono in molti a chiedersi (tra studenti e genitori) come riaprirà il prossimo anno scolastico. La ripartenza dovrebbe avvenire già il prossimo 1 settembre ma con una prima fase di recupero e verifica in classe di quanto fatto negli ultimi mesi di Didattica a Distanza.

Segui gli aggiornamenti della sezione Trending News sui nostri gruppi:

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.