Dopo God of War ci sarà un supereroe nel destino videoludico di Cory Barlog?

Tutine in spandex nel futuro del director delle nuove avventure di Kratos? Non è da escludere, anzi: c'è già un piccolo desiderio

Il ritorno di God of War sulla scena videoludica è stato indubbiamente in grande, anzi, grandissimo stile. La serie targata Santa Monica è tornata prepotentemente alla ribalta con l’ultimo capitolo delle avventure di Kratos. Cambio di ambientazioni – dall’antica Grecia si è passati alle gelide terre della mitologia Norrena – e cambio di connotati per il gameplay. Abbandonate le ambizioni hack ‘n slash dure e pure, nel nuovo episodio l’anima ruolistica ha preso il sopravvento. Riscuotendo tra l’altro grande successo all’interno della community dei fan.

Anche la maestosità dell’intero mondo di gioco non ha lasciato indifferenti. Le ambientazioni finemente curate in ogni singolo dettaglio hanno fatto la loro sporca figura. E lasciano presagire grandi cose per il prossimo capitolo, ormai palesemente proiettato verso la next gen e quindi verso PS5.

God of War e supereroi, quale futuro per Barlog?

C’è però un Cory Barlog che non pensa esclusivamente al sequel di God of War. Anzi, si interroga su quale potrebbe essere una nuova esperienza con cui confrontarsi nella sua carriera. E l’ambito supereroistico – sempre a tema videoludico – lo stuzzicherebbe non poco. D’altronde gli ultimi anni hanno visto comparire sugli scaffali produzioni sempre più rifinite. Basti pensare alla serie Batman Arkham di Rocksteady Studios o al più recente Marvel’s Spider-Man di Insomniac Games.

Ma quale potrebbe essere il supreroe che darebbe a Cory il giusto slancio? Ha sorpreso la risposta del creative director, che non ha optato per quelle che possiamo considerare le punte di diamante. No, la sua risposta è stata Occhio di Falco.

Un comprimario più che una star vera e propria, sebbene le sue doti balistiche con arco e frecce si presterebbero non poco a qualche sperimentazione nell’ambito del gameplay. E in particolare l’arco (perdonate il gioco di parole, ndr) narrativo di Matt Fraction, quello 2012/2015, sarebbe molto caro al buon Barlog. Che quindi ci sia qualcosa che bolle in pentola in vista del futuro?

Difficile dirlo al momento, visto che fervono i preparativi per God of War 2. Ma mai dire mai!

Fonte

Segui gli aggiornamenti della sezione Games sui nostri gruppi:

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.